Pallacanestro maschile UVA | Bennett si riunisce felicemente in Italia

Di Jeff White (jwhite@virginia.edu)
VirginiaSports.com

Liquore Santa Margherita, Italia – Quando la squadra di basket maschile dell’Università della Virginia è arrivata per gli allenamenti mercoledì in questa località balneare della Riviera Ligure, l’allenatore Tony Bennett è stato felice di trovare ad attenderlo fuori dalla palestra: il volto di Nikola Koprivica.

“Amo Nick”, ha detto Bennett.

Koprivica, originario di Belgrado, in Serbia, si è recato nell’area di Rapallo con sua moglie, Vetrana Grbovic, per incontrare Bennett e Ronnie Whiteman, direttore atletico associato dell’UVA per l’amministrazione e le operazioni di basket dell’UVA.

Koprivica è ora Direttore dello Scouting Internazionale per i Detroit Pistons della NBA. Nel 2006-07, è stato un debuttante allo Stato di Washington e il suo allenatore del primo anno, Bennett.

Whiteman era il direttore delle operazioni dei Cougars. Come Bennett, Whiteman non riusciva a smettere di sorridere quando era vicino a Koprivica mercoledì.

“Io e lui andiamo indietro nel tempo”, ha detto Whiteman, che ha scosso la testa mentre raccontava alcune delle battute di Koprivica.

“Se metti questo ragazzo nella tasca del tiro e non lo colpisci con un passaggio, è tutto ‘ostile. Ogni colpo mancato è stata colpa mia”, ha detto Whiteman.

“Non molti tiri sbagliati”, ha risposto Koprivica.

È stato un miracolo che abbia finito per giocare per Bennett. Non è stato fino all’estate del 2006 che Koprivica ha deciso di voler frequentare il college negli Stati Uniti e si è iscritta alla Northeastern University con l’intenzione di frequentarla nel 2006-07.

Successivamente, altre scuole si interessarono, inclusa Wazoo. “Ho avuto un amico che mi ha visto giocare in Europa”, ha detto Matt Woodley, uno degli assistenti allenatori dei Cougars. [under-18] Campionato quell’estate”, ha ricordato Koprivica, “e ha detto: ‘Questo ragazzo è davvero bravo.’ “

READ  Mancini: "L'Italia non ha problemi"

All’inizio di agosto, Bennett chiamò Koprivica e gli offrì una borsa di studio. “Ero tipo, ‘Sì, allenatore, è fantastico, ma mi sono già impegnato in questa scuola e voglio onorare il mio impegno’ e lui ha detto, ‘Ok, se cambia qualcosa, fammi sapere.'”

Koprivica non ha sentito molto dal Nordest e una settimana dopo, quando non è riuscito a raggiungere l’allenatore, ha preso una nuova direzione. “Ho chiamato Tony e gli ho detto: ‘Sto arrivando’. In tre o quattro giorni avevamo finito con le scartoffie e tutto il resto.

Koprivica, che non era mai stato negli Stati Uniti, ci mise un po’ a rendersi conto che lo stato di Washington non era sulla costa orientale. “Pensavo DC,” rise.

Ha volato da Belgrado a Londra a Seattle e Pullman, Washington, dove si trova il campus di Wazu. si è trasferito nella cittadina di , ed è arrivato circa due settimane dopo l’inizio dell’anno scolastico 2006-07.

“Ci fu uno shock culturale immediato per un ragazzo serbo che all’epoca non parlava molto bene l’inglese”, ha detto Koprivica. “Lo ricordo come se fosse ieri. Tony e il resto dello staff vengono a prendermi. Non so se sei mai stato al Pullman, ma l’aeroporto di Pullman è metà di questa palestra. Ecco quanto è grande. Quindi me ne vado, ‘Ok, dov’è il ritiro bagagli?’ Vengono fuori, portano i tuoi bagagli e te li consegnano. Ecco quanto è piccolo. È stato un grande cambiamento, ma l’ho adorato. Avevamo un gruppo speciale.

Nel 2006-07, i Cougars sono finiti ultimi nella Pac-10, hanno pareggiato un record scolastico con 26 vittorie e sono passati al torneo NCAA per la prima volta in 13 anni. Koprivica ha saltato la maggior parte della stagione a causa di un ACL strappato, ma è tornato nel 2007-08 e ha aiutato lo Stato di Washington a raggiungere per la prima volta lo Sweet Sixteen del torneo NCAA.

READ  Gli avvocati italiani stanno preparando eventuali onorari sulla base dell'inchiesta del Ponte di Genova

“Grande mente e grande amore per il gioco”, ha detto Bennett del Koprivica 6 piedi-6.

Le squadre di Bennett al Wazzu hanno giocato la stessa robusta difesa della linea di fondo per cui Virginia era nota durante il suo mandato.

“Non mi è mai piaciuto giocare in difesa, te lo dirò da grande”, ha detto Koprivica. “Venendo dalla Serbia mi piaceva tirare, mi piaceva correre e poi vengo qui, con questi ragazzi, in un’ora e mezza di allenamento, facciamo un’ora e 15 minuti di difesa ogni giorno.

“Ero tipo, ‘Wow, cosa ci facciamo qui?’ Ma ho accettato perché sapevo che era l’unico modo per entrare in campo, ed era questo il punto: volevo entrare in campo, allora ero in difesa e non c’era sensazione migliore che vedere gli occhi del mio avversari quanto odiavano giocare. [Bennett’s teams]. Come parlare con i ragazzi che ci sono adesso [NBA] Ha giocato contro di lui e lo odiavano.

Bennett, che ha compilato un record di 69-33 allo Stato di Washington, è partito per l’UVA dopo la stagione 2008-09, così come Whiteman, ma Koprivica è rimasto in contatto con loro.

“Tony e io ci scriviamo un paio di volte all’anno”, ha detto Koprivica. “Guardo alcune partite, gli do supporto e cose del genere nei momenti importanti, e lui scrive sempre. Ci teniamo un po’ in contatto, ma so che ha molte cose da fare. Parlo molto con Ronnie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.