Ora scoperto da quelli stanchi del trambusto di Bari, Napoli e Palermo nel tacco d’Italia.

Nomina dieci italo-americani in qualsiasi città del sud Italia, e la maggior parte di loro dice “Da dove vengono i miei genitori/coniuge/zia/zio/parenti!” Grideranno con passione. Dopo Napoli e Palermo, molti italo-americani chiamerebbero la città Bari, situata sul mare Adriatico al tacco della Puglia. Bari era un importante punto di transito per i residenti della costa orientale italiana, poiché era una delle tante città del sud dove centinaia di migliaia di italiani impoveriti cercavano l’oro in America.

Oggi Barry è una città. I commercianti pugliesi e baresi, lentamente risorti dopo la guerra, hanno profuso avidamente denaro in pubblicità e promozioni. Bari, perché non è così conosciuta, non è così invasa dai turisti – i mesi estivi sono pieni – o, data la sua dimensione, la grande popolazione che rende difficile raggiungere Napoli e Palermo. Bari è stata costruita come una città di mare aperta – nelle giornate limpide è possibile vedere la costa dell’Albania (la migliore vista dalla ruota panoramica) – perfetta per passeggiare sui suoi ampi viali e passeggiare per le stradine del suo antico cuore storico.

Data la sua posizione vulnerabile, la città necessitava di una grande fortezza, il Castello Normanno-Sveo, proprio al suo centro, costruito all’interno di un fossato alla fine del XII secolo quando la città era sotto il dominio normanno. Il re di Sicilia prese la città e demolì il castello, ma fu ricostruito nel secolo successivo nel XIII secolo e ampliato per diverse centinaia di anni. Il suo profilo domina il centro della città e l’edificio è oggi utilizzato principalmente per mostre. Nel 1221 San Francesco d’Assisi incontrò l’imperatore Federico II, che cercò di mettere alla prova la forza del santo inviando nella sua stanza una bella donna, che Francesco rimandò fuori.

Barisi ei turisti affollano soprattutto le spiagge della città Bane e Pomodoro (soprannominato “Pane e pomodoro” perché i bagnanti mangiano fette di pane e pomodoro), è più sabbioso della maggior parte delle spiagge del Mediterraneo e offre momenti di relax passeggiando per il vecchio porto. L’antica storia marittima di Barry. Bari è calda d’estate, ma dal mare soffia una fresca brezza. È molto mite in autunno e in inverno.

Bari, come tutte le città italiane, è ricca di chiese. I due numeri primi sono 12Gi secolo Babbo Natale alla Basilica San Nicola, Le reliquie del patrono della città San Nicola furono sepolte nel 1087 dopo che i marinai le trafugarono dalla città di Myra. La singolarità è uno spazio nella cripta sotterranea adibito a chiesa ortodossa orientale, dove si tiene ancora la messa. C’è anche una grande chiesa ortodossa russa formale nel centro della città.

La basilica è in realtà più grande di così Cattedrale di Barry (una cattedrale che segna la sede dell’arcivescovo della città), costruita alla fine del XII secGi secolo nelle rovine di un’antica chiesa bizantina. Il Rinascimento vide una facciata barocca e molti altri elementi decorativi sovrapposti alla sua semplice architettura romanica. Qui si trovano i resti del locale San Colombano; Ha anche mantenuto intatta la sua verginità.

Per quanto importanti siano le chiese per una città italiana, le loro controparti secolari sono le grandi piazze, il cui fiore all’occhiello è ben noto a Bari. Piazza MercanteFormato all’inizio del 14 ° annoGi secolo Lungo i suoi ampi marciapiedi e il magnifico viale e le strade laterali che lo alimentano, negozi locali e internazionali (fuori Venezia, Bari ha molte offerte simili sulla costa adriatica), nonché trattorie e caffè e le persone passeggiano mano nella mano. Siediti per un espresso e un favorito Cornetto Pasticceria o gelateria.

Dovresti anche considerare di visitare la migliore galleria d’arte della città Pinacoteca Metropolitana Palma il Giovanni in un sontuoso edificio mostra una gamma di arte locale e italiana, sia antica che moderna, di artisti del calibro di Giuseppe de Nitis, Giovanni Boldini, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. L’ampio Corso Cavour (sembra che ogni città italiana dovrebbe avere una strada intitolata a Cavour, Garibaldi e Vittorio Emanuele) è molto bello. Teatro Petruzzelli, sinfonie, balletti e opere vengono presentati durante tutto l’anno. La sua splendida facciata color terracotta rivela quello che era il quarto teatro lirico più grande del paese, aperto nel 1903 e ospitato da Pietro Mascagni, Beniamino Ghigli, Riccardo Muti, Renata Tebaldi, Luciano Pavarotti, Placido Domingore e Jositos Domingore. , Katia Ricciarelli.

Dopo aver fatto il pieno di alcune delle strutture più importanti di Bari, è tempo di restringere la tua attenzione alle strade meravigliosamente tranquille del centro storico. I campanili delle chiese segnalano che è impossibile seguire un labirinto senza chiedere indicazioni alle donne che siedono fuori dai loro appartamenti vendendo prodotti freschi. Orecchiette La pasta a forma di spiga, specialità bugliana.

Quello che noto è che le antiche strade di pietra sembrano sempre piovere e lasciano una lucentezza bagnata, ma hanno sempre un bell’aspetto, mantenute quotidianamente dai residenti vicini con spazzole, spazzoloni e scope. Troverai anche carichi di biancheria appesi ai balconi, una tradizione praticata da ogni classe barese, che approfitta dell’aria salmastra del mare, che si trova appena fuori dal centro storico su un perimetro. Una bella passeggiata, molte panchine in ardesia lungo la strada.

Ci sono molte piccole trattorie nel centro storico, prima verrai accolto dal profumo della cucina, oltre a pescherie e drogherie che vendono cibo e vino da Buckleys, di cui avrò presto il piacere di scrivere.

READ  Il governo testa 125 persone a bordo del volo Italia-Amritsar Ultime notizie India

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.