Oltre a combattere il crimine, l’Italia sta bandendo la tecnologia di riconoscimento facciale

MILANO, 14 nov (Reuters) – L’agenzia italiana per la protezione dei dati personali ha vietato a due comuni di utilizzare il riconoscimento facciale e gli “occhiali intelligenti” dopo aver testato la tecnologia.

I sistemi di riconoscimento facciale che utilizzano dati biometrici non saranno consentiti fino a quando non verrà approvata una legge specifica, o almeno fino alla fine del prossimo anno, secondo il Garante della privacy.

L’eccezione è quando tali tecnologie svolgono un ruolo nei procedimenti giudiziari o nella lotta contro la criminalità.

“Il divieto nasce dalla necessità di regolamentare i requisiti di ammissibilità, le condizioni e le garanzie relative al riconoscimento facciale secondo il principio di proporzionalità”, ha affermato l’agenzia in una nota.

Secondo la normativa europea e italiana, il trattamento dei dati personali da parte di enti pubblici mediante dispositivi video è generalmente consentito per motivi di interesse pubblico e quando connesso all’attività delle pubbliche autorità, ha aggiunto.

Tuttavia, ha aggiunto che i comuni che desiderano utilizzarli devono stipulare “accordi di sicurezza urbana” con i rappresentanti del governo centrale.

L’agenzia stava reagendo alle misure adottate nella città di Lecce, nel sud dell’Italia, dove le autorità hanno affermato di aver iniziato a utilizzare una tecnologia basata sul riconoscimento facciale.

Al comune è stato ordinato di fornire un elenco dei sistemi adottati, il loro ambito di applicazione e le basi legali, nonché i database a cui si accede attraverso i suoi dispositivi di monitoraggio, ha affermato l’organismo di vigilanza.

Il garante della privacy ha preso di mira la città toscana di Arezzo, dove la polizia locale avrebbe dovuto dotarsi di super occhiali a infrarossi in grado di riconoscere le targhe delle auto.

READ  Due nuovi hotel W sbarcano in Italia

(Segnalazione di Elvira Pollina e Federico Macchioni, Montaggio di Alvis Armellini e Alexander Smith

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.