Olaf Schultz “disgustato” dalle dichiarazioni del presidente palestinese sull’Olocausto

Il signor Abbas ha poi ritrattato la sua osservazione e ha affermato che non aveva intenzione di “negare l’unicità dell’Olocausto”, che ha ammesso essere “il crimine più atroce della storia umana moderna”.

Mercoledì, un portavoce del governo tedesco ha affermato che la Cancelleria tedesca ha convocato il capo della missione diplomatica palestinese a Berlino per protestare contro le dichiarazioni di Abbas.

“È chiaro per noi, il governo e il cancelliere, che la persecuzione sistematica e l’omicidio di sei milioni di ebrei europei è un crimine senza precedenti contro l’umanità”, ha affermato il portavoce.

Il leader palestinese stava rispondendo a una domanda sul massacro di Monaco del 1972, in cui 11 israeliani e un agente di polizia tedesco furono uccisi dal gruppo terroristico palestinese Settembre Nero.

Quando gli è stato chiesto se voleva scusarsi per l’attacco prima del suo cinquantesimo anniversario, il signor Abbas ha affrontato il tema dei palestinesi uccisi dalle forze israeliane e poi ha rivendicato il “50° Olocausto”.

‘bugia brutale’

Yair Lapid, il primo ministro israeliano, lo ha accusato di aver detto una “brutale bugia”. Lapid ha aggiunto: “Sei milioni di ebrei furono uccisi durante l’Olocausto, tra cui un milione e mezzo di bambini ebrei. La storia non lo perdonerà mai”.

Danny Dayan, capo del memoriale dell’Olocausto di Yad Vashem, ha detto che i commenti di Abbas sono stati “vile” e “spaventosi”. In Germania, l’ambasciatore di Israele, Israel Stephen Seibert, li ha anche definiti “spregevoli” e “orribili”.

Il signor Schulz lo era È stato pesantemente criticato dai commentatori israeliani che erano indignati dal fatto che non fosse riuscito a confrontarsi immediatamente con il signor Abbas, soprattutto alla luce del passato nazista della Germania.

READ  Frana in Australia uccide padre e figlio britannici - con due familiari in condizioni critiche | notizie dal mondo

I giornali e i concorrenti tedeschi lo hanno accusato di non aver affrontato l’antisemitismo e la mancanza di leadership morale.

“Quello che è successo in Cancelleria è incredibile”, ha detto Frederic Merz, leader del partito di opposizione Cdu. “Il consigliere avrebbe dovuto chiaramente obiettare e dirgli di lasciare l’edificio”.

Il quotidiano bestseller Bild ha definito la decisione di Schultz di rimanere in silenzio “un terribile, inimmaginabile fallimento”. Il giornale ha anche protestato vigorosamente per il fatto che il signor Schulz ha detto “non ha detto una parola di dissenso di fronte alla peggiore proporzione dell’Olocausto che avesse detto un primo ministro nell’ufficio del cancelliere”.

Nel frattempo, il Consiglio ebraico tedesco ha accusato Abbas di “aver calpestato la memoria dei sei milioni di ebrei morti e di aver danneggiato la memoria di tutte le vittime dell’Olocausto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.