‘Non può prendere il potere’: i sostenitori arrabbiati di Bolsonaro rifiutano di accettare il risultato delle elezioni brasiliane | notizie dal mondo

Dovevi solo andare ai caucus dei candidati presidenziali per capire le nette differenze tra i due campi.

Le manifestazioni politiche di Lula erano essenzialmente una festa di strada con musica e balli – in contrasto con le manifestazioni di Jair Bolsonaro erano più sfacciate e più serie.

Festeggia di meno e arrabbiati di più, se vuoi. Sono arrabbiati adesso.

Lola da Silva Ha vinto le elezioni brasiliane Lunedì ha battuto Bolsonaro con un margine molto sottile.

Le elezioni brasiliane sono state le più polarizzanti nella memoria recente, con l’incumbent di estrema destra Bolsonaro contro l’ex leader di sinistra.

L’ufficio di Bolsonaro potrebbe aver ammesso la sconfitta, ma milioni di suoi sostenitori no, e così sono scesi nelle strade di San Paolo e di altre 70 città in tutto il Brasile.

I colori verde e giallo del paese sono stati scelti da Bolsonaro e dai suoi sostenitori, e questi colori erano ovunque: sulla maglia della nazionale di calcio brasiliana, bandiere, cappelli, striscioni.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro si rivolge alla 77a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
immagine:
Jair Bolsonaro

La bandiera nazionale sventolava sulla folla mentre si radunava fuori dal comando militare sudorientale.

Hanno tifato per il presidente Bolsonaro, ma hanno chiesto un intervento.

In poche parole, vogliono un colpo di stato militare.

“Non far diventare rossa la nostra bandiera!” hanno gridato. Disprezzano la politica di sinistra di Lola da Silva E il Partito Laburista a cui appartiene, e lo vogliono in ogni modo.

I sostenitori di Jair Bolsonaro protestano contro la vittoria di Lula da Silva nelle strade di San Paolo.  Stuart Ramsay testimone oculare

Leggi di più: Lula da Silva affronterà sfide in un paese diviso

I sostenitori di Bolsonaro sono sospettosi anche dei media e dei giornalisti in generale.

Negli ultimi mesi si sono verificati numerosi episodi di attacchi ai giornalisti da parte dei fan più estremisti del presidente Bolsonaro.

Siamo stati fermati più volte e ci hanno chiesto chi siamo, da dove veniamo e con quale testata giornalistica lavoriamo.

Quando abbiamo detto che venivamo dalla Gran Bretagna, sembravano rilassati e felici di parlare in generale.

Lola ha salutato la folla insieme a sua moglie (in rosso)
immagine:
Lola ha salutato la folla insieme a sua moglie (in rosso)

Tra la folla c’era un gran numero di motociclisti e lo stesso Bolsonaro era un fan delle motociclette.

Spesso guidava i raduni della sua campagna sulla sua motocicletta.

Vestito dalla testa ai piedi con una pelle Harley-Davidson, Carlos Rubino, 64 anni, mi stava inseguendo tra la folla.

I sostenitori di Jair Bolsonaro protestano contro la vittoria di Lula da Silva nelle strade di San Paolo.  Stuart Ramsay testimone oculare
immagine:
Carlos Rubino

Ha detto che voleva che il mondo sapesse cosa stava succedendo qui.

“Non può subentrare”, mi ha detto Carlos, riferendosi a Lula.

“La gente in strada, vogliamo che l’esercito prenda il sopravvento e non vogliamo elezioni”.

Gli ho chiesto se era davvero sicuro di volere l’intervento dell’esercito. Ha confermato: “Sì”.

“Chiunque altro può essere eletto, e noi non abbiamo problemi, ma non questo ragazzo, perché è un criminale”.

Lula è stato mandato in prigione nel 2018 per uno scandalo di corruzione che lo ha tenuto fuori dalle elezioni di quell’anno, aprendo la strada alla vittoria dell’allora candidato Bolsonaro e a quattro anni di politica di estrema destra. Le sue condanne sono state successivamente revocate.

La lotta per i nostri diritti

I sostenitori di Jair Bolsonaro protestano contro la vittoria di Lula da Silva nelle strade di San Paolo.  Tania Valerio.  Stuart Ramsay testimone oculare
immagine:
Tania Valerio

Tanya Valerio all’inizio era un po’ timida, ma poi i suoi amici la convinsero a parlare.

E non era timida nel dirmi cosa pensava.

READ  La Francia alza il velo sugli archivi segreti che descrivono in dettaglio la sanguinosa guerra d'Algeria

“Combattiamo per i nostri diritti, la nostra libertà, la nostra proprietà e la nostra famiglia sopra ogni altra cosa. Nessun comunista, per favore, dobbiamo combattere finché non avremo la nostra libertà”.

Tanya, come molti qui, crede che le elezioni siano state truccate.

“La verità verrà fuori e ci sarà libertà per noi”, ha detto.

I camion e i loro autisti sono stati i primi a dare il via alle proteste anti-Lola Chiusura di alcune strade e autostrade principali del Paese.

I sostenitori del presidente brasiliano Jair Bolsonaro bloccano l'autostrada BR-251 durante una protesta contro il presidente eletto Luiz Inacio Lula da Silva, che ha vinto un terzo mandato dopo il ballottaggio delle elezioni presidenziali, a Planaltina, Brasile, 31 ottobre 2022. Foto del giorno (Reuters)
immagine:
I sostenitori di Bolsonaro hanno chiuso autostrade e strade dopo aver perso di poco le elezioni

Sono diventati un simbolo del movimento di protesta contro il risultato elettorale.

Si sono presentati oggi, suonando i loro clacson tra grandi applausi mentre si facevano strada per le strade trafficate.

Molti qui credevano che il discorso articolato e non condiscendente di Bolsonaro, prerogativa della nazione, avrebbe smorzato l’entusiasmo dei suoi sostenitori. Io non l’ho fatto.

Un altro sostenitore, Lou Aruq, ha insistito sul fatto che “la gente sta venendo in piazza e continuerà ad uscire oggi e domani fino a quando questa situazione non sarà finita, perché non vogliamo questo presidente e non lo vogliamo”.

Ma per mantenere lo slancio, anche quando i più potenti alleati politici di Bolsonaro hanno pubblicamente affermato che il gioco è finito, queste persone avranno difficoltà a raggiungerlo.

Sono state elezioni serrate, ma hanno perso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.