Niels Langeveld ha vinto la seconda gara del TCR Italia al Mugello dopo che Babu ha rallentato

Niels Langeveldt si è ripreso da un disastro vincendo la seconda gara al Mugello della TCR Italia.

Il pilota della Target Race si era qualificato in pole ma è riuscito a finire 17° sabato dopo una foratura mentre era in testa, ed è arrivato ottavo nella gara di domenica.

Carlo Tamburini e Domiano Reduzzi hanno occupato la prima fila di gara due, con Kevin Ceccon terzo, Denis Babuin quarto e un vincitore e leader di punti Salvatore Tavano quinto.

Bapuin ha preso il comando alla fine del primo giro quando ha superato Tamburini all’ultima curva, Reduzzi è passato al terzo posto e Tavano è stato uno dei tanti piloti a portare Ceccone al quarto. Reduzzi ha superato Tamburini al secondo giro per prendere il secondo, mentre Langeveld ha preso il quarto posto con Ceccone alle sue spalle, mentre Tavano è stato relegato al sesto.

Babouin ha iniziato ad allontanarsi dal resto del gruppo con un piccolo margine e Langeveldt si è imposto sul podio dopo diversi giri con Tamburini al quarto giro.

L’ordine al comando è rimasto invariato fino al periodo intergara safety car, che ha richiesto la rimozione della vettura danneggiata di Francesco Savoia all’undicesima curva, e che ha cancellato il vantaggio di Babu di oltre tre secondi.

Langeveld si è tuffato all’interno di Reduzzi al tornante San Donato per prendere il secondo e dare a chi era dietro la possibilità di attaccare, è ripartito diversi giri dopo. Ceccone, ora quarto, non è riuscito a passare ma si è aggiudicato due posizioni.

Reduzzi è stato il primo a scendere nell’ordine quando è finito sulla ghiaia in una curva ed è riuscito a mantenere il controllo della sua Hyundai Elantra N, ma è sceso all’ottavo posto.

READ  Bethany Frankel ha una relazione con il fidanzato Paul Bernan sul Lago di Como, in Italia.

Poi, pochi giri dopo, Babuvin, che aveva riguadagnato il comando di tre secondi, ha rallentato improvvisamente all’ultima curva ed è atterrato sul rettilineo dei box. Langeveld e Ceccone sono stati sorpassati prima che sembrassero riprendere il ritmo, e una corsa dominante del pilota Bolza Corse ora ha visto Langeveld e Ceccone del Team Aggressive Italia inseguire gli ultimi giri.

Il trio è andato vicino, ma non c’è stato alcun cambio di posizione e Langeveld ha vinto con 0,945 secondi, con Babouin a soli 1,172 secondi.

Tavano è arrivato quarto per ridurre il morso di Langeveld e Ceccone davanti ai compagni di squadra di Langeveld Cesare Bruzza ed Ettore Carminati.

C’è stata una grande battaglia per il settimo posto che è andato ai lati della barriera della safety car per la maggior parte della gara, e Ruben Fernandez ha preso il comando con un piccolo margine davanti a Reduzzi. Tamburini era in quella battaglia ma alla fine è sceso al nono posto, e anche Felipe Fernandez ha perso tempo al 10°.

A parte Savoia, le gare di Rodolfo Massaro e Rammo Anti sono finite sulla ghiaia, mentre Michele Imberti è stato penalizzato di due minuti nel primo giro e poco dopo ha fatto ritirare la sua vettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *