Nave noleggiata dall’ONU in Ucraina si prepara a viaggiare in Africa

YUZHNY, Ucraina (Reuters) – La nave Brave Commander, noleggiata dall’Onu, lascerà l’Ucraina per l’Africa nei prossimi giorni, dopo aver finito di caricare oltre 23.000 tonnellate di grano nel porto ucraino di Pyvdny, ha detto un funzionario dell’Onu.

La nave, arrivata in un porto vicino a Odessa, salperà verso l’Etiopia attraverso la corsia del grano del Mar Nero mediata dalle Nazioni Unite e dalla Turchia a fine luglio.

Questa sarà la prima spedizione di aiuti alimentari umanitari destinati all’Africa dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio nell’ambito della Black Sea Grain Initiative.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Dennis Brown, il coordinatore delle Nazioni Unite residente in Ucraina, ha detto ai giornalisti che c’era un urgente bisogno di grano in Etiopia e che le Nazioni Unite si sarebbero adoperate per garantire il proseguimento delle spedizioni verso paesi in tutta l’Africa che affrontano carestie e prezzi alimentari in forte aumento.

“Su una nota molto personale, per ogni madre che potrebbe ascoltare, vedere la fame nei bambini è molto angosciante”, ha detto Brown, che in precedenza ha lavorato nella Repubblica Centrafricana. “La fame e la malnutrizione fisicamente sono molto dolorose”. giornalisti. “Spetta a tutti noi aiutare questi ragazzi”.

La spedizione è stata finanziata da donazioni del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale e di diversi donatori privati.

“Il mondo ha bisogno del cibo dell’Ucraina. Questo è l’inizio di quelli che speriamo siano processi normali per gli affamati del mondo”, ha detto ai giornalisti Marianne Ward, vicedirettore nazionale del Programma alimentare mondiale. L’agenzia di soccorso ha acquistato più di 800mila tonnellate di grano in Ucraina l’anno scorso.

READ  La Russia accusa Kiev di aver avvelenato alcuni dei suoi soldati in Ucraina

Le autorità ucraine non hanno rilasciato dettagli su quando salperà il coraggioso leader o quando arriverà in Etiopia, adducendo problemi di sicurezza.

Finora, 16 navi hanno lasciato l’Ucraina, secondo le autorità locali, a seguito di un accordo con la Russia per consentire la ripresa delle esportazioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero, dopo una pausa di cinque mesi a causa della guerra.

“Stiamo guardando questo… in modo molto positivo. Siamo ottimisti”, ha detto Brown a Reuters in un’intervista separata.

L’accordo è stato raggiunto il mese scorso tra i timori che la perdita dell’approvvigionamento di grano dell’Ucraina potrebbe portare a gravi carenze alimentari e persino carestie in alcune parti del mondo.

Due fonti di navigazione hanno affermato che la prima nave a lasciare l’Ucraina in base all’accordo, la nave battente bandiera Sierra Leone Razoni, si sarebbe avvicinata domenica al porto siriano di Tartus. Leggi di più

Brown ha affermato che le autorità stanno valutando l’utilizzo delle ferrovie per aumentare le spedizioni di grano e il ministero dell’Agricoltura ucraino prevede di aprire una nuova rotta per camion verso la Polonia.

L’Ucraina ha circa 20 milioni di tonnellate di grano avanzate dal raccolto dell’anno scorso, mentre anche il raccolto di grano di quest’anno è stimato a 20 milioni di tonnellate.

Finora, la maggior parte delle spedizioni nell’ambito dell’accordo riguardava mangimi o carburante per animali.

READ  Un membro chiave repubblicano ha consigliato gli sforzi per limitare il voto su Trump nel tentativo di annullare i risultati del 2020 | Notizie dagli Stati Uniti

Come parte dell’accordo delle Nazioni Unite, tutte le navi a Istanbul vengono ispezionate dal Centro di coordinamento congiunto, dove lavora personale proveniente da Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(riferisce Andrea Shalal). Montaggio di Michael Perry, Kirsten Donovan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.