Nascosto a Los Angeles da decenni, un mosaico romano di 2000 anni fa sta tornando in Italia

Grazie a una soffiata anonima e ad alcuni seri sforzi da parte dell’FBI, il mosaico perduto da tempo è arrivato in Italia. Delitti d’arte sezione. Tagliato in 16 pezzi, disposti su tavole e tagliato in 16 pezzi, il pezzo in questione è un “mosaico della figura mitologica Medusa”, secondo l’avvocato d’arte che rappresenta l’anonimo cliente. Nella struttura di stoccaggio di Los Angeles dagli anni ’80, ogni pallet pesa tra i 75 ei 200 libbre. Pertanto, il processo di rimpatrio dell’arte non è solo una questione di esplorazione della sua storia, ma di logistica.

“Pensavo di indagare su crimini d’arte e restituire antichità”, ha detto l’agente speciale Alan Crowe in una dichiarazione dell’FBI. “Ma gran parte del lavoro dietro le quinte riguarda comunicazioni, contratti e consegna dei prodotti giusti alle persone giuste”.

In questo caso, le persone giuste sono le persone di Roma, dove i mosaici venivano realizzati a mano circa 2000 anni fa. La polizia italiana scoprì documenti sui beni culturali a Roma nel 1909 indicando la sua presenza, ma da allora “l’unica testimonianza moderna dell’esistenza del mosaico è un annuncio su un giornale in vendita nell’area di Los Angeles nel 1959”, afferma. FBI.

Un pezzo di mosaico italiano di 2000 anni fa si trova all’interno di un vassoio di spedizione prima del suo ritorno in Italia nel 2022.

Il committente, presumibilmente parte di una catena di custodia legata alla provenienza segreta dell’opera, ha pagato speciali container di spedizione per restituire in Italia le tessere del mosaico, che erano state inviate per via diplomatica. Le tessere del mosaico sono arrivate integre ad aprile e sono attualmente in fase di restauro e rimontaggio da parte di esperti. Sebbene ci fossero danni da termiti su alcune schede, secondo il rapporto CNNIl mosaico, tenuto segreto per decenni in un vano climatizzato, era nel complesso bello.

READ  Robina Benson ha ospitato una festa di benvenuto per Giorgetti Italia a Los Angeles

“Il mosaico è stato un mestiere di un’epoca in cui le persone ci hanno dedicato un’incredibile quantità di cura e impegno. Parla davvero dell’ingegno e della creatività di quel tempo”, ha detto Grove, che ha lavorato con l’agente speciale Elizabeth Rivas nello sforzo di rimpatrio. ” Dovrebbe essere a Los Angeles. Il mosaico apparteneva al popolo di Roma. Questo ci permette di capire un po’ la storia dell’uomo che risale a 2000 anni fa.

Il mosaico è stato tagliato in 16 pezzi e disposto su vassoi.

È l’ultimo di un anno ricco di eventi per le relazioni artistiche tra Stati Uniti e Italia. Durante l’estate, i funzionari dello stato di New York hanno restituito all’Italia dozzine di manufatti e antichità per un valore di milioni. Molti di questi sono in mostra nella sede di nuova costituzione Museo dell’Arte Recuperata, ospitato nel complesso del Museo Nazionale Romano. Quest’estate, il Metropolitan Museum of Art ha donato 21 antichi manufatti greci e romani all’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, tra cui una testa di marmo di Atena da 3 milioni di dollari, che sarà restituita all’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.