Narendra Modi presta giuramento per il terzo mandato come Primo Ministro indiano | India

Narendra Modi ha prestato giuramento come Primo Ministro indiano per un terzo mandato storico, inaugurando una nuova era di politica di coalizione per il potente leader indiano.

La cerimonia, che si è tenuta domenica sera al Rashtrapati Bhavan, ha visto il ritorno al potere di Modi, il secondo leader nella storia indiana a vincere tre mandati consecutivi.

Un raggiante Modi era accanto a due pesi massimi del BJP, Rajnath Singh e Amit Shah, ai quali è stato confermato il ritorno come ministri del governo. Quando è salito sul palco per consegnare la sua promessa al presidente Draupadi Murmu, sono scoppiati forti applausi dalla folla enorme che si era radunata per assistere alla cerimonia.

Il terzo mandato di Modi probabilmente assumerà una forma molto diversa rispetto al suo precedente decennio in carica, dopo che il BJP ha dovuto affrontare elezioni inaspettatamente difficili. Il partito ha ottenuto il maggior numero di seggi nei sondaggi d'opinione svoltisi nell'arco di quasi due mesi, i cui risultati sono stati finalmente annunciati martedì, ma non ha ottenuto la maggioranza assoluta.

Modi ha dovuto fare affidamento sui partner della coalizione, in particolare sui partiti regionali più piccoli, per dare al BJP abbastanza seggi per rivendicare la maggioranza parlamentare e formare il governo. Questa è la prima volta che Modi, abituato a guidare dal fronte, deve governare attraverso un accordo di condivisione del potere, con i partner della coalizione che ricoprono diversi incarichi ministeriali.

Gli analisti ritengono che la nuova dipendenza del BJP dai partiti della coalizione laica potrebbe rappresentare una sfida per Modi e frenare alcune delle tendenze autoritarie e dittatoriali del passato del suo governo, in particolare il suo perseguimento di politiche incentrate sugli indù.

READ  Notizie di Donald Trump oggi: una possibile accusa incombe in Georgia mentre Trump rende omaggio a Laura Loomer

Da quando è salito al potere nel 2014, Modi ha rimodellato lo Stato laico con un’agenda nazionalista indù aggressiva, ottenendo un ampio sostegno tra la maggioranza indù dell’80% dell’India. I suoi sostenitori gli attribuiscono la crescita economica dell'India e la sua posizione elevata sulla scena mondiale, ma ha perso ampie fasce di voti alle elezioni a causa di questioni come la disoccupazione cronica e le preoccupazioni per la democrazia in India.

Modi arriva per prestare giuramento, passando davanti ai membri senior del BJP. Fotografia: Rajat Gupta/EPA

Parlando ai partiti della sua coalizione nel fine settimana, Modi ha risposto all’alleanza dell’opposizione che sosteneva che le elezioni fossero state una sconfitta per il Primo Ministro. “Non abbiamo perso”, ha detto, ma ha anche usato un tono insolitamente conciliante, aggiungendo: “Per governare è necessario avere la maggioranza, ma per governare una nazione è necessario il consenso”.

L’alleanza dell’opposizione, chiamata in breve India, ha ottenuto risultati molto migliori di quanto previsto dai sondaggi elettorali e tornerà in parlamento con più di 230 seggi, più del doppio delle elezioni precedenti.

I capi di stato dei paesi vicini, tra cui il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina e il presidente dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe, hanno partecipato alla cerimonia di giuramento di Modi. All'evento erano presenti anche due degli industriali più ricchi dell'India, Gautam Adani e Mukesh Ambani, che si ritiene abbiano uno stretto rapporto con Modi, e la star di Bollywood Shah Rukh Khan.

Mallikarjun Kharge, presidente del Partito del Congresso, ha partecipato alla cerimonia in qualità di rappresentante dell'alleanza indiana dell'opposizione, ma è stato ignorato da tutti gli altri leader dell'opposizione.

READ  Mitch McConnell ha annunciato che si dimetterà dalla carica di leader repubblicano al Senato dopo 17 anni alla guida del Partito Repubblicano

Mamata Banerjee, presidente del Trinamool Congress dell'opposizione, ha detto che non parteciperà perché il governo si sta formando “illegalmente e in modo antidemocratico”, aggiungendo che i governi “a volte durano solo un giorno”.

Questo articolo è stato modificato il 9 giugno 2024. Ranil Wickremesinghe è il presidente dello Sri Lanka e non il primo ministro come affermato in una versione precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *