Muore il proprietario dell’Hassler Hotel, dove alloggiarono la principessa Diana, Steve Jobs e Tom Cruise

È morto all’età di 72 anni Roberto E. Wirth, 72 anni, titolare e direttore generale dell’Hotel Hassler di Roma

È morto uno dei principali albergatori indipendenti del mondo. Roberto E. Wirth, 72 anni, titolare e direttore generale dell’Hotel Hassler Roma, che sorge in cima alla famosa Piazza di Spagna, è morto domenica. Tra gli ospiti famosi c’erano la principessa Diana, Steve Jobs e Tom Cruise. Audrey Hepburn ha soggiornato in hotel durante le riprese del film vincitore dell’Oscar Vacanze romane del 1953.

Grace Kelly ha anche organizzato sistemazioni presso l’hotel. “È con grande tristezza che annunciamo la prematura scomparsa di nostro padre, Roberto Enrico Wirth”, hanno detto i due figli di Wirth, Roberto Jr. e Frochka.

La causa della morte non è stata rivelata.

Nato sordo, il signor Wirth proviene da una famiglia di albergatori svizzeri. Suo padre, Oscar, prese la proprietà dell’Hotel Hassler nel 1921. Durante la seconda guerra mondiale, l’hotel fu rilevato dall’aviazione americana come quartier generale a Roma. L’edificio fu completamente demolito e ricostruito e riaperto nel 1947.

Quando Oscar morì, sua moglie e la madre di Wirth, Carmen, assunsero la gestione dell’hotel.

Wirth divenne direttore generale dell’hotel nel 1982 e poi ne assunse la piena proprietà nel 2001, quando acquistò la quota del 50% di suo fratello nell’hotel per possederne il 100%.

Da giovane, Wirth ha frequentato la Gallaudet University, il Rochester Institute of Technology e la Cornell University, dove si è laureato in Hotel Management.

Per tutta la vita di Wirth, ha sostenuto la comunità locale e internazionale dei non udenti in molti modi diversi istituendo fondi, borse di studio e servendo nei consigli di amministrazione.

È stato fondatore e presidente del CABSS (Center for Helping Deaf and Blind Children), un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata al sostegno dei bambini sordi e ciechi e delle loro famiglie.

READ  La fuga di cervelli dall'UE è un vantaggio finanziario per l'Estonia

Fondò Il Palazzetto, unica dimora romana del 16° secolo proprio accanto a Piazza di Spagna ea pochi passi da Hassler. Il Palazzetto comprende quattro intime camere d’albergo e due splendidi balconi panoramici al quarto e quinto piano oltre a spazi interni al secondo piano per eventi privati.

Oltre a gestire i ristoranti Hassler e Il Palazzetto, è stato anche consulente per diversi ristoranti all’estero, tra cui il ristorante italiano “Travertino” all’Oberoi Hotel di New Delhi e “Vetro” all’Oberoi Mumbai.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti personali come “Independent Hotel of the World 2005” da Hotel Magazine, una delle pubblicazioni più prestigiose nel settore dell’ospitalità; Il Premio alla Realizzazione Economica del Comune di Roma in occasione di un evento presieduto dal Sindaco del Comune e il Premio Turismo Marco Aurelio 2006 del Vicesindaco di Roma Mariabia Garavaglia. Questo prestigioso riconoscimento premia coloro che si sono distinti nel settore turistico rumeno, sottolineando l’importanza del turismo per la vita economica e sociale della capitale italiana.

Nel novembre 2014 è stato insignito del “Leading Legend Award” da The Leading Hotels of the World, per il suo impegno nell’arte dell’ospitalità indipendente.

Wirth ha conseguito la laurea presso la School of Hotel Management della Cornell University, nonché un dottorato onorario in lettere umanitarie dalla Lynn University nel maggio 2006 e dalla Gallaudet University di Washington, DC nel maggio 2009. È anche uno degli otto destinatari non udenti del DeafNation Inspiration Premio assegnato nell’agosto 2012 a Las Vegas, durante la prima edizione di quello che sarebbe diventato un importante appuntamento annuale internazionale.

Nel 2016 ha ricevuto la Laurea Honoris Causa in Lettere Umane dalla prestigiosa John Cabot University di Roma, Italia.

READ  Vincitori del premio Seattle International Film Festival 2022

Wirth considerava Hasler la sua passione, casa e eredità familiare. Il suo impegno, la sua dedizione e il suo tocco personale hanno reso l’hotel uno dei migliori in Europa e la destinazione preferita dall’élite di Roma.

Possedeva anche l’Hotel Vannucci di Città della Pieve, un paese dell’Umbria.

Wirth si separò ma continuò a lavorare con la sua ex moglie Astrid Schiller Wirth, la designer che ha creato gli splendidi interni dell’Hustler Hotel.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.