Mostra del Cinema di Venezia: Cannibali, fumetti e icone del cinema condividono i riflettori di Venezia

Tra le storie mostrate alla Mostra del Cinema di Venezia di quest’anno c’erano il dramma di Marilyn Monroe, Road Eaters e una commedia oscura sulla vita familiare.

Il festival cinematografico più antico del mondo, che funge da trampolino di lancio per i candidati all’Oscar con l’avvicinarsi della stagione dei premi, va dal 31 agosto al 10 settembre e presenta dozzine di film tanto attesi dentro e fuori concorso.

Tra gli highlights che dovrebbero apparire sul tappeto rosso ci sono Timothée Chalamet, Sadie Sink, Adam Driver, Olivia Wilde, Harry Styles, Penelope Cruz, Ana de Armas, Cate Blanchett, Hugh Jackman, Christoph Waltz e Sigourney Weaver.

Direttori d’essai internazionali condivideranno il palco con noti personaggi di Hollywood, mentre le immagini di Darren Aronofsky, Andrew Dominic, Alejandro Iñarritu, Luca Guadagnino, Joanna Hough, Koji Fukada e Jafar Panahi appariranno alla loro prima uscita.

Quattro originali del colosso televisivo Netflix schierano la sezione del concorso di 23 titoli, tra cui “Blonde” di Dominic, interpretato da de Armas in una fantasia sulla tragica vita dell’attrice americana Monroe.

Per la prima volta, Netflix ha l’onore di aprire il festival con White Noise di Noah Baumbach con The Driver e Greta Gerwig, una cronaca satirica della vita familiare basata sull’omonimo romanzo di Don DeLillo.

Uno dei film più attesi sarà probabilmente “Bones and All”, che vede Chalamet al fianco dell’astro nascente Taylor Russell nei panni di un povero amante dei cannibali in un film diretto dall’italiano Luca Guadagnino.

“Analizza i più poveri ed emarginati d’America, il fallimento del sogno americano”, ha detto martedì il direttore artistico del festival Alberto Barbera.

READ  Police Academy star and Broadway star Marion Ramsey dies, aged 73

Oscar trampolino di lancio

“Whale” di Aronofsky racconta la storia di un uomo grasso, interpretato da Brendan Fraser, mentre cerca di riconnettersi con la figlia adolescente, interpretata da “Stranger Things” di Cinque.

Cate Blanchett, regolare del festival, che presiederà la giuria nel 2020, torna a un concorso pieno di speranze con “TÁR”, diretto da Todd Feld, una storia di fantasia su un famoso compositore e direttore d’orchestra che dirige una grande orchestra tedesca.

Julianne Moore presiede la giuria principale di quest’anno.

“TÁR” è uno dei nove film prodotti negli Stati Uniti in concorso, cinque francesi, quattro italiani e due iraniani, tra cui “No Bears” di Panahi, che la scorsa settimana ha condannato a sei anni di reclusione in Iran. Dopo essere stato condannato per propaganda contro la Repubblica Islamica nel 2010.

Venezia offre spesso un primo assaggio dei futuri vincitori dell’Oscar come “Birdman” nel 2015. Il suo regista, Inarritu, torna all’isola del Lido della città con il suo ultimo film: “Bardo”, una commedia Netflix in lingua spagnola ambientata in Messico.

Allo stesso modo, Martin McDonagh ha presentato in anteprima “Three Billboards Outside Ebbing, Missouri” a Venezia nel 2017 e ha ottenuto numerosi premi. Il suo seguito a “The Banshees Of Inisherin”, ambientato in Irlanda e interpretato da Brendan Gleeson e Colin Farrell, debutterà al Lido.

Come sempre, alcuni film fuori concorso riceveranno la stessa attenzione di quelli che lottano per il Leone d’Oro.

Questi includono thriller psicologici “Don’t Worry, Darling”, diretto da Wilde e con Florence Pew e Styles, “Dead for a Dollar”, un film western di Walter Hill con Waltz e un documentario “Winter on Fire: Ukraine’s War for Freedom “dai direttori. Evgenij Avinevsky.

READ  Jake Gyllenhaal si gode un pasto all'aperto con gli amici di Jay in Italia

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. Solo il titolo è cambiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.