Moody’s declassa l’economia italiana tra inflazione e timori energetici

L’agenzia di rating Moody’s ha abbassato le previsioni per l’economia italiana, l’ultimo di una serie di segnali preoccupanti per il Paese.

Moody’s mercoledì ha abbassato la sua valutazione del sistema bancario del paese da “stabile” a “negativo” e ha affermato di aspettarsi un ulteriore deterioramento delle condizioni nel settore bancario nei prossimi 12-18 mesi, soprattutto in termini di performance dei prestiti bancari e guadagni più ampi , riporta l’agenzia di stampa Xinhua.

La notizia fa seguito a una serie di tagli alle prospettive di crescita a medio termine dell’economia da parte di Banca d’Italia, Istat, lobby imprenditoriale Confindustria, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico e Commissione Europea.

Nel suo ultimo rapporto, l’Istat ha rivelato che i dati preliminari mostrano che l’economia è cresciuta dello 0,5 per cento più forte del previsto nel terzo trimestre dell’anno.

Tuttavia, l’Istat prevede una crescita economica nel quarto trimestre negativa.

Il consenso tra i modelli di crescita è che l’economia italiana sarà piatta il prossimo anno dopo una crescita del 3-3,5 per cento quest’anno.

Mercoledì, Moody’s è stato più cauto, prevedendo una crescita del 2,7% per l’intero anno e una crescita zero nel 2023.

Le sfide vanno oltre la crescita economica.

Gli effetti della guerra tra Russia e Ucraina hanno spinto i prezzi a livelli record – gli ultimi dati mostrano che l’Italia aveva un tasso di inflazione annuo dell’11,9 per cento a ottobre – e sollevato preoccupazioni sull’accesso all’energia e sull’affidabilità delle principali catene di approvvigionamento.

Inoltre, da agosto l’euro è stato scambiato principalmente in territorio negativo rispetto al dollaro USA, erodendo il potere d’acquisto delle imprese italiane e dei residenti.

READ  Enel rinnova accordo con Cinven nella rete in fibra Latam Ufinet

Lunedì, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha invitato la Banca centrale europea ad aumentare i tassi di interesse per difendere l’euro dal dollaro e dalle altre valute.

Questi fattori hanno contribuito a un ampio calo delle quotazioni azionarie – la borsa italiana di Milano quest’anno è scesa di quasi il 20 per cento, nonostante i lievi guadagni delle ultime sessioni – e all’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato.

L’obbligazione decennale di riferimento dell’Italia è stata scambiata quasi esclusivamente al di sopra della soglia del 4% dalla fine di settembre ed era al 4,3% alla chiusura della sessione di mercoledì.

A parte un breve rally a giugno, il rendimento non ha superato il 4 percento dal 2014. I rendimenti obbligazionari più elevati sono un riflesso del nervosismo degli investitori riguardo all’economia.

L’Italia è la quarta economia più grande d’Europa e la terza nella zona euro a 19 nazioni.

Secondo le ultime stime, il tasso di crescita economica del Paese quest’anno dovrebbe superare la media dell’eurozona, prima di scendere al di sotto della media nel 2023.

– gen

Ksk /

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati solo dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.