Monkeypox in Israele: Israele segnala il primo caso di monkeypox e altri sono sospettati

Le autorità israeliane hanno affermato di aver rilevato il primo caso di vaiolo delle scimmie nel Paese, in un uomo che era tornato dall’estero e stava esaminando altri casi sospetti.

Il ministero della Salute israeliano ha dichiarato sabato scorso che l’uomo era in buone condizioni in un ospedale di Tel Aviv. Ha invitato chiunque tornasse dall’estero con febbre e lesioni a consultare un medico.

Sharon Alroy Berry, capo dei servizi sanitari pubblici del ministero, ha detto domenica a Israel Army Radio che squadre mediche stavano indagando su altri casi sospetti di vaiolo delle scimmie.

Il caso di Israele sembra essere il primo ad essere identificato in Medio Oriente.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato circa 80 casi a livello globale e quasi altri 50 sono sospettati.

In precedenza, i casi di malattie associate al vaiolo sono stati osservati solo tra le persone con collegamenti con l’Africa centrale e occidentale. Ma Gran Bretagna, Spagna, Portogallo, Italia, Stati Uniti, Svezia e Canada hanno tutti riportato infezioni, soprattutto in giovani che non hanno mai viaggiato in Africa. Anche Francia, Germania, Belgio e Australia hanno identificato casi.

Il virus ha origine nei primati e in altri animali selvatici e provoca febbre, dolori muscolari, brividi e affaticamento nella maggior parte dei pazienti. Le persone con casi gravi possono sviluppare eruzioni cutanee e lesioni sul viso, sulle mani e su altre parti del corpo.

READ  Papa Francesco: Il mondo ha bisogno di un nuovo modello economico cristiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.