Monkeypox, CHI, Monkeypox: Monkeypox ha spiegato: sei a rischio?

Monkeypox: Monkeypox ha sintomi simili al vaiolo ma è molto meno grave.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha emesso il più alto livello di allerta per il vaiolo delle scimmie dichiarandolo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC). Il virus si è diffuso in quasi 70 paesi, inclusa l’India, dove finora sono stati segnalati quattro casi.

Ora, nell’ambito della nostra serie Science in 5 sul vaiolo delle scimmie su YouTube, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha spiegato quali comunità sono più a rischio di contrarre il virus e perché.

Secondo Andy Seal, consulente del programma per l’HIV, l’epatite e le malattie sessualmente trasmissibili dell’Organizzazione mondiale della sanità, comunità di diversa estrazione ed età sono colpite dal vaiolo delle scimmie in paesi precedentemente infetti situati in gran parte nell’Africa occidentale.

Seale ha aggiunto che nei paesi recentemente colpiti dal virus del vaiolo delle scimmie, i casi sono “in gran parte concentrati sugli uomini”. Secondo Seal, la maggior parte delle persone infettate dal virus sono uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, considerati gay e bisessuali.

Il consulente ha aggiunto che alcuni casi sono stati segnalati anche in bambini e donne, ma sono limitati. Tuttavia, il sig. Seal ha sottolineato che chiunque entri in contatto con il virus può essere infettato.

Spiegando il motivo alla base della vulnerabilità della particolare comunità, il signor Seale ha affermato che c’erano diversi modi in cui il virus veniva trasmesso. Questi includono il contatto pelle a pelle, il bacio o il contatto con oggetti infetti come la biancheria da letto. “Quello che sappiamo e ciò che ci dicono le prove è che le reti sessuali all’interno della comunità LGBT hanno svolto un ruolo nella trasmissione del virus nel contesto di questo focolaio”, ha aggiunto Seal.

READ  Misteriose fusa dall'interno di Marte scoperte dal lander della NASA | Notizie di scienza e tecnologia

Ha aggiunto che i viaggi internazionali sembrano aver contribuito alla diffusione del virus del vaiolo delle scimmie nei primi giorni dell’epidemia.

Ecco il video:

L’onorevole Seal ha anche affermato che non dovremmo stigmatizzare o incolpare nessuna comunità in particolare per la diffusione della malattia. Ha aggiunto che per la maggior parte dei pazienti con vaiolo delle scimmie, l’infezione sarà di breve durata e lieve mentre può anche essere grave per alcuni che potrebbero aver bisogno di essere ricoverati in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.