Mio padre, Arun Judge ed io – Phra Noi

Sto scrivendo questa mattina dopo che Aaron Judge dei New York Yankees ha segnato il suo 62esimo fuoricampo della stagione, battendo il record di 61 di Roger Maris nell’American League, stabilito 61 anni fa.

Ho subito pensato a mio padre, alla sua giovinezza, alla mia vita da figlio e al nostro rapporto con i passatempi americani. Anthony Kelico è nato nel 1901 nel distretto minerario italiano di Setonville, nella contea di Bureau, nell’Illinois. Suo padre lavorò nelle miniere fino al 1909, quando un incendio in una miniera nella vicina Cherry, Illinois, lo convinse ad accettare un lavoro nelle ferrovie. Molti minatori di origine italiana morirono nell’incendio della miniera di ciliegi, che ebbe un profondo effetto sui sopravvissuti.

In confronto, l’infanzia di Anthony sembrava piuttosto idilliaca e il sandlot baseball era uno dei suoi passatempi preferiti. Si è guadagnato il soprannome duraturo “Dido”, la parola per veloce in dialetto piemontese, a causa della sua ingegnosità. Non so se il suo amore per gli Yankees sia stato mostrato mentre era a Setonville o dopo essersi trasferito a Chicago. Ad ogni modo, è stato attratto da loro a causa dei loro giocatori italiani: Lazzeri, Raschi, Crosetti e successivamente Berra, Rizzuto, DiMaggio, Pepitone, Girardi, Torre e molti altri.

Penso che quei giocatori lo abbiano rassicurato sul fatto che avresti potuto farcela nella vita come italo-americano. Lui e mia madre gestivano un bar in cui vivevamo sopra a Logan Square, e nel suo poco tempo libero allenava la mia squadra junior al California Park. Lui, ovviamente, ha chiamato la squadra i Chicago Yankees, con la C e la Y sul cappello collegate ad arte per imitare i New York su un cappello degli Yankees.

READ  L'infortunio di Richarlison non è grave: l'assistente allenatore Christian Stellini

Io e mio fratello maggiore non eravamo grandi giocatori, ma a mio padre piaceva molto trasmetterci la sua saggezza sul baseball e guardarci giocare al gioco che amava così tanto. Quando gli Yankees erano in città, la partita era in TV alla taverna e, ogni volta che poteva, mi portava a Comiskey Park per vederli giocare.

Durante le vacanze, l’autoradio era sintonizzata su un gioco in qualsiasi momento, ma una vacanza si distingue come la più memorabile.

Quell’estate caricò una Studebaker del 1958 e caricò me e mia madre in macchina per il viaggio a New York per vedere la sua squadra per la prima volta nel Bronx. Gli Yanks avevano tre partite in casa e ogni giorno guidavamo dal nostro hotel attraverso il Bowery allo stadio per comprare i nostri biglietti, solo per scoprire che la partita era piovuta.

È stato schiacciato, ma un altro bersaglio lo ha costretto. Aveva una vecchia mazza che era stranamente curva e pensava che fosse usata per colpire le palle volanti degli esterni durante l’allenamento, con la piegatura della mazza che rendeva più facile mirare la palla nel modo giusto. Determinato a donarlo alla National Baseball Hall of Fame di Cooperstown, New York, subì la sua seconda delusione quando gli fu detto che la mazza era semplicemente deformata e inutile per il museo. Il suo amore per i Bronx Bombers in particolare e per lo sport in generale non è scemato.

Avevo programmato di giocare a pallone al liceo solo per scoprire che St. Pats non aveva una squadra, e al college ero troppo fuori forma per tagliare. Dopo la laurea ho scoperto il calcio e ci ho giocato per molti anni, seguendo il Calcio con una dedica al Torino, la cui casa è a 30 chilometri da dove sono cresciuti i miei nonni. Mi piace pensare che la mia passione per il mio sport preferito sia stata in qualche modo innescata dalla passione di mio padre per esso.

READ  "Fai in modo che le scene accadano!" I fan di Southampton chiedono la scadenza del giorno di trasferimento tra l'aggiornamento di Burnley

Mio padre ha guardato con grande interesse il fuoricampo dei 61 tra Roger Maris e Mickey Mantle ed è rimasto entusiasta quando il record della ragazza è sceso. Sono sicuro che sarebbe contento che un altro yankee raggiunga il nuovo record di fuoricampo dell’American League.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.