Ministro italiano: i colloqui sul clima includono la governance dei fondi

MILANO (AP) — Funzionari governativi e diplomatici delle nazioni più inquinanti del clima sono alle prese con la questione di come governare gli ingenti fondi promessi per combattere il riscaldamento globale, ha affermato venerdì il ministro del clima italiano.

“Paradossalmente, non credo ci sia un problema di soldi. Sono più le regole e la strategia”, ha detto il ministro per la transizione ecologica Roberto Cingolani all’Associated Press.

Ha parlato il giorno dopo aver partecipato a un incontro virtuale in cui il delegato statunitense per il clima John Kerry e rappresentanti di due dozzine di nazioni e organizzazioni europee e delle Nazioni Unite hanno parlato insieme del riscaldamento globale, per la prima volta dal vertice delle Nazioni Unite di novembre a Glasgow, in Scozia.

Cingolani ha riconosciuto il fallimento dei leader di Glasgow nel mantenere la promessa di 100 miliardi di dollari all’anno per combattere il cambiamento climatico e ha affermato che l’obiettivo non può fallire al vertice delle Nazioni Unite sul clima di quest’anno a Sharm El-Sheik, in Egitto, a novembre. “Questo è obbligatorio”, ha detto.

Ma Cingolani ha affermato che il problema a lungo termine è meno il flusso di finanziamenti rispetto al fatto che il sistema non dispone di regole di governance per gestire enormi investimenti pubblici e privati ​​in futuro.

“Stiamo parlando di investimenti che vanno dalla creazione di una comunità energetica in paesi dove non ce n’è di sorta, alla creazione di una rete intelligente in un paese che è rinnovabile al 70%”, ha affermato Cingolani.

“Puoi investire in così tante cose e penso che abbiamo bisogno di regole, le regole dipendono dal paese in cui stai investendo”, ha aggiunto. «Una cosa è investire in Italia, un’altra è investire in un Paese vulnerabile».

READ  L'Italia afferma che le offerte per il cloud center nazionale sono attese questo mese, Telecom News, ET Telecom

Ha affermato che il ritorno degli Stati Uniti alla lotta al cambiamento climatico sotto il presidente Joe Biden ha contribuito a consolidare i sindacati e che la Cina, che ha partecipato all’incontro, “sta prendendo la sfida molto sul serio”.

“Sappiamo di essere in ritardo. Quindi penso che il senso di urgenza fosse molto chiaro”, ha detto.

L’incontro a distanza di giovedì e gli altri che seguiranno hanno lo scopo di mantenere lo slancio della riduzione delle emissioni a livello internazionale tra i vertici delle Nazioni Unite sul clima.

Ha raggruppato i peggiori inquinatori climatici del mondo e le maggiori catture con alcuni dei paesi più minacciati dal riscaldamento climatico. I partecipanti includevano Stati Uniti, Cina, Russia, Italia, Indonesia, Bangladesh e Isole Marshall

___

Segui la copertura climatica di AP su https://apnews.com/hub/climate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.