Milan, sfida per il titolo a un bivio dopo una controversa chiamata

ROMA – Il Milan sperava di tornare in testa alla serie A lunedì, ma il giorno dopo la sfida per il titolo è a un bivio dopo che un errore arbitrale gli è costato cara nella sconfitta shock contro lo Spezia.

I rossoneri pensavano di aver afferrato i tre punti necessari per scavalcare l’Inter al primo posto quando Junior Messias ha spazzato a casa nei minuti di recupero a San Siro.

Ma l’esterno brasiliano e i compagni sono stati presto lasciati nel dubbio, con l’arbitro Marco Serra che ha già fischiato per premiare il Milan per un fallo al limite dell’area.

Tra fallo e tiro sono passati appena due secondi, ma nessun vantaggio è stato giocato e il punteggio è rimasto sull’1-1, cioè fino a quando lo Spezia non ha preso d’assalto l’altra estremità per segnare la vittoria al 96′.

È stato un finale straordinario per una partita in cui il Milan ha sbagliato un rigore, ha preso e rinunciato al vantaggio e non è riuscito a trovare un modo per superare l’ispirato portiere Ivan Providel.

“Sappiamo di aver subito un’ingiustizia. È un peccato… la responsabilità è nostra per il gol che abbiamo ricevuto, ma questo va condiviso con l’arbitro”, ha detto Pioli.

Ha aggiunto: “L’arbitro si è scusato. Mi dispiace per l’uomo, si è subito scusato e ha alzato le mani perché si è reso conto di aver commesso un errore”.

I media italiani hanno affermato che anche l’Associazione italiana arbitri (AIA) si era scusata per l’errore di Serra e che il 39enne, rimasto in lacrime, potrebbe subire una lunga squalifica.

Scontri decisivi in ​​vista

Il Milan ora deve lasciare andare il senso di disagio e concentrarsi nuovamente su quello che potrebbe essere il momento di successo o di fallimento della sua stagione.

READ  I tifosi dell'Inter deturpano un altro murale di Romelu Lukaku, definendo la firma del Chelsea un "traditore della vendita"

I rossoneri ospiteranno domenica sera la Juventus, quinta in classifica, con la squadra di coach Massimiliano Allegri diretta al Milan da otto partite di campionato senza sconfitte.

Poi il derby di Milano contro l’Inter.

I campioni sono attualmente due punti e una partita in più rispetto al rivale, quindi una vittoria del Milan sarebbe fondamentale per le speranze di Pioli di superare i vicini per lo scudetto.

Il tempismo delle due big match non sembra l’ideale per il Milan, a cui mancano giocatori chiave come Fikayo Tomori e Frank Kessie rispettivamente per infortunio e in servizio in Coppa d’Africa.

Ma Bewley non la vede in questo modo.

Ha insistito sul fatto che “le partite tra Inter e Juventus stanno arrivando al momento giusto”.

“Dopo una serata come questa, è meglio avere partite con quella motivazione, dove possiamo dimostrare che siamo cresciuti molto mentalmente e nel carattere”.

Con la corsa al titolo potenzialmente incombente tra le due rivali, con il Napoli a soli due punti dal Milan al terzo posto, i rossoneri sperano di non avere troppi rimpianti per l’impaziente Serra che fischia al termine di una stagione emozionante.

(Segnalazione di Alasdair MacKenzie; Montaggio di Christian Radnedge)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.