Migrazione: i numeri di immatricolazione in Italia ‘aumentano in mezzo al conflitto’

Il difensore civico italiano per i detenuti ha affermato che c’è stato un forte aumento del numero di immigrati arrivati ​​in Italia negli ultimi anni e che “non diminuiranno nei prossimi anni”. Parlando al parlamento del paese, ha sottolineato le vie legali per il paese.

I dati ufficiali mostrano che gli immigrati sono tornati in Italia lo scorso anno per quelli trovati prima dell’epidemia di Kovit: entro il 2021 negli hotspot del Paese erano registrate circa 44.292 persone (di cui 8.934 minori), in aumento rispetto al 2017.

Tuttavia, rispetto a quel momento, il numero dei rimpatriati nell’isola italiana di Lampedusa è quadruplicato e il numero dei rimpatriati è stato ridotto a causa dell’epidemia di Covit-19 e della ridotta possibilità di organizzare voli.

Il numero dei deportati lo scorso anno è stato di 3.420, invece 6.153 sono stati respinti alla frontiera. Percentuale di rimpatriati che soggiornano nei centri di rimpatrio invariata: Su 10 centri in Italia con una capacità totale di 711, la percentuale di detenuti è in media del 49% per 36 giorni di permanenza.

Mauro Palma, difensore civico nazionale italiano per i diritti dei detenuti, ha esaminato la situazione e presentato lunedì (20 giugno) i dati al parlamento del Paese, rilevando che l’immigrazione in Italia “non diminuirà nei prossimi anni”. Invece, ha detto, “aumenterebbero di dimensioni a causa dei numerosi conflitti in molte parti del mondo, e specialmente in quelle a noi più vicine”.

Occorrono soluzioni adeguate per l’accesso legale all’Italia

L’approccio attuale, afferma, “non ha le caratteristiche di un’utile ‘politica’ di hotspot, centri di rimpatrio, tentativi di rimpatrio, numero asimmetrico di visite, rimpatrio e integrazione della comunità – e particolarmente sofferenze non necessarie e veicoli su larga scala, persone e spreco di denaro.” Aggiunto.

READ  Primo, il treno F-35 israeliano in Italia - a loro avviso con l'Iran

Invece, “il nostro Paese ha bisogno di soluzioni sistematiche che includano la possibilità di accesso legale e modelli di accoglienza che facilitino un’integrazione graduale, diffusa e sicura in diverse parti del Paese, verso la quale dobbiamo investire direttamente”, ha affermato il difensore civico.

“Chi resta in Italia per molto tempo e ha completato il ciclo di istruzione nel Paese avrà presto la cittadinanza”, si augura.

Una delle questioni sollevate è stata la “legittimità” del trattamento degli immigrati nei centri di rimpatrio permanenti (CPR), quando era “già chiaro” che era “impossibile” rimpatriarli.

“È inaccettabile strappare la libertà a un immigrato senza documenti che è stato formalmente incaricato di essere espulso, quando è certo che ciò non accadrà”, ha osservato.

Miglioramento per le RCP ma ancora inefficiente

Nel 2021, meno della metà dei trasferiti da CPR è stata effettivamente espulsa. “L’incompetenza organizzativa di questi centri è già stata denunciata nelle relazioni presentate al Parlamento, e continua, e in quel momento si pone il problema della legittimità della privazione della vita (per l’interdetto, ndr) e della privacy della libertà”, ha detto in un discorso al parlamento nell’ambito del Comitato nazionale per i diritti dei prigionieri. Ha detto Danila de Robert, membro del team del difensore civico.

“Questa solitudine è giustificata solo ai fini del rimpatrio, che non è stato raggiunto in più della metà dei casi”, ha osservato.

Ha detto che gli immigrati potrebbero essere trattenuti per un massimo di 120 giorni e “sono rimasti in media 36 giorni in varie strutture l’anno scorso”, tuttavia questo metodo si è rivelato inefficace per i risultati attesi.

READ  Amazon è certificata come il miglior datore di lavoro in Italia, Spagna e Francia

Il 19 maggio ha approvato l’ordinanza del ministro dell’Interno Louisiana Lamorkis sulla base dei criteri per l’istituzione dei centri di espulsione, che ha modificato le regole introdotte nel 2014, dicendo: “Senza dubbio sono stati fatti progressi nella regolamentazione di questi centri, ma c’è un deficit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.