Migliaia di persone evacuate mentre infuriano gli incendi nel sud-ovest della Francia

Mercoledì gli incendi hanno colpito la regione della Gironda, nel sud-ovest della Francia, distruggendo case e costringendo più di 8.000 persone a evacuare.

Alcune persone hanno dovuto salire sui tetti mentre le fiamme si avvicinavano alle loro proprietà.

Più di 6.000 ettari (14.826 acri) continuano a bruciare senza controllo nonostante gli sforzi dei vigili del fuoco supportati dai bombardamenti d’acqua.

La Francia, come il resto d’Europa, quest’estate ha subito ondate di caldo successive oltre alla peggiore siccità di sempre. Dozzine di incendi hanno bruciato in tutto il paese, inclusi almeno otto grandi incendi.

I vigili del fuoco hanno affermato che sono probabili ulteriori evacuazioni. Tuttavia, alcuni residenti a Houston, a sud di Bordeaux, erano riluttanti a rinunciare alle loro case.

“È difficile andare con i cani e non possiamo lasciarli qui”, ha detto Alison Horan, 18 anni, che è rimasta con suo padre. “Sono preoccupato che un appezzamento di terreno dietro la nostra terra sia in fiamme e il vento stia iniziando a cambiare direzione”.

Molte piccole strade e parti dell’autostrada sono state chiuse.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanen ha affermato che Svezia e Italia sono tra i paesi che si preparano a inviare aiuti alla Francia.

E ha ripetuto le sue richieste affinché tutti fossero ritenuti responsabili: nove incendi su 10 sono stati causati intenzionalmente o meno da persone, ha detto.

La Gironda ha già visto grandi incendi a luglio, che hanno distrutto più di 20.000 ettari di foresta e costringendo temporaneamente quasi 40.000 persone a lasciare le loro case.

Le autorità ritengono che l’ultimo inferno sia stato il risultato di precedenti incendi che ancora bruciavano nel terreno torboso della zona.

READ  L'uomo d'affari russo interviene per pagare le bollette dell'hotel ai rifugiati ucraini dopo il ritardo del ministero dell'Interno

I recenti incendi nella Gironda sono uno dei tanti incendi che hanno imperversato in tutta Europa quest’estate, causati dalle ondate di calore che hanno spazzato il continente e stabilito temperature record.

In Portogallo, quasi 1.200 vigili del fuoco supportati da otto aerei hanno subito un incendio nella regione montuosa di Covilha, a circa 280 chilometri (174 miglia) a nord-est di Lisbona, che da sabato ha bruciato più di 3.000 ettari di foresta.

Anche Spagna e Grecia hanno dovuto far fronte a molteplici incendi nelle ultime settimane.

Incendi sono scoppiati anche nelle contee meridionali di Lozère e Aveyron. E nella provincia del Maine e della Loira, nella Francia occidentale, un altro incendio ha distrutto più di 1.200 ettari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.