Microsoft ammette che la causa incostituzionale della FTC è stata un errore

Microsoft ha fatto marcia indietro su alcune parole nella sua recente risposta alla Federal Trade Commission del governo degli Stati Uniti (di seguito denominata FTC).

A dicembre, Microsoft lo ha affermato La causa intentata dalla FTC contro l’acquisizione di Activision Blizzard era incostituzionalee in particolare ha violato il quinto emendamento.

Tuttavia, la società ha ora ritrattato tale argomento, ammettendo che “avrebbe dovuto abbandonare queste difese prima che le facessimo”.

Eurogamer Newscast News Contest 2022!

Il portavoce degli affari pubblici di Microsoft, David Cody, ha dichiarato in una dichiarazione a Axios.

“Inizialmente abbiamo messo tutti i possibili argomenti sul tavolo internamente e avremmo dovuto abbandonare quelle difese prima di spostarle”.

Cuddy ha concluso riconoscendo che Microsoft “apprezza il feedback su queste difese” e affermando che la società sta ora “trattando direttamente con coloro che hanno espresso preoccupazioni in merito all’archiviazione [its] posizione chiara.

Microsoft ha ora rilasciato a Nuovo file che omette l’implicazione che la causa FTC violi la costituzione degli Stati Uniti.

Naturalmente, insiste ancora sul fatto che se i suoi continui sforzi per acquistare Activision Blizzard avranno successo, tale acquisizione non sopprimerà ingiustamente la sua concorrenza nel settore dei giochi.

Nel frattempo, all’inizio di questa settimana, l’avvocato della FTC James Weingarten ha dichiarato che l’agenzia lo è Attualmente non stai partecipando a discussioni sostanziali con Microsoft per quanto riguarda la sua causa.

READ  Rapporto: anche la porta PS5 di Red Dead Redemption 2 è stata eliminata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.