Meloni, la prima donna premier italiana, guida formalmente un governo di estrema destra

La prima donna premier italiana, Giorgia Meloni, ha ufficialmente assunto domenica il timone del governo di più destra del Paese dalla seconda guerra mondiale.

Quattro settimane dopo il suo post-fascista I fratelli d’Italia hanno vinto le elezioni generaliMeloni è stato affiancato dal premier uscente Mario Draghi alla cerimonia di consegna a Palazzo Sigi, sede della Presidenza del Consiglio a Roma.

Dopo quasi 90 minuti di colloqui privati, la coppia ha sorriso ampiamente mentre Draghi, un ex capo della Banca centrale europea, ha consegnato simbolicamente a Meloni una campanella usata nelle discussioni di gabinetto.

Terrà poi la prima riunione dei ministri, che comprenderà esponenti del suo partito e dei suoi alleati, Forza Italia dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e la Lega di estrema destra di Matteo Salvini.

La coalizione euroscettica e anti-immigrazione sta conquistando la terza economia dell’eurozona tra l’aumento dell’inflazione, una crisi energetica e la guerra in Ucraina.

La presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen ha dichiarato sabato che è stata una “buona prima chiamata” con Meloni: “Non vedo l’ora di una cooperazione costruttiva con il nuovo governo sulle sfide che affrontiamo insieme”.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha poi affermato che “non vede l’ora di lavorare a stretto contatto con l’Italia nell’UE, nella NATO e nel G7” – un sentimento ripreso dalle risposte di congratulazioni di Meloni su Twitter.

Il quotidiano italiano La Stampa domenica è andato in prima pagina per parlare di “inizio europeo”. “Meloni: lavorare, con orgoglio”, Corriere della Sera.



Il nuovo Primo Ministro italiano Giorgia Meloni (C) tiene il primo Consiglio dei ministri, Roma, Italia, 23 ottobre 2022. (foto EPA)

Assicura i ministri

Sabato scorso Meloni ei suoi 24 ministri hanno prestato giuramento alla presenza del presidente Sergio Mattarella al Palazzo del Quirinale di Roma, un tempo dimora del papa e dei monarchi d’Italia.

Ha dichiarato il suo desiderio di “lavorare dritto”.

L’esperienza ministeriale di Meloni include tre anni come ministro della gioventù sotto il governo Berlusconi 2008-2011, mentre il suo partito non è mai salito al potere.

I Fratelli d’Italia hanno ottenuto solo il quattro percento dei voti alle elezioni del 2018, ma hanno ottenuto uno storico 26 percento nel sondaggio del 25 settembre.

Da giovane Meloni era un ammiratore del defunto dittatore Benito Mussolini, ma allontanava il suo partito dalle sue radici neofasciste.

Si presenta come una “madre cristiana” schietta, difensore dei valori tradizionali e degli interessi nazionali dell’Italia, soprattutto a Bruxelles.

Il suo partito non vuole più che l’Italia lasci la moneta unica dell’Ue, ma resta fortemente euroscettico come la Lega, che ha vinto il nove per cento dei seggi.

Tuttavia, ha co-fondato Forza Italia con Berlusconi, il fedele europeo Antonio Tajani, ex presidente del Parlamento europeo, che è stato ministro degli Esteri e vicepremier.

Nel tentativo di rassicurare gli investitori sul fatto che l’economia italiana piena di debiti era al sicuro nelle sue mani, Meloni ha anche nominato Giancarlo Giorgetti ministro dell’Economia.

Giorgetti, che ha servito come ministro dello sviluppo economico sotto Draghi, è considerato uno dei membri più moderati ed europeisti della lega di Salvini.

Salvini sarà Vice Presidente del Consiglio e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Ha preferito il ruolo di Ministro dell’Interno, che ha ricoperto dal 2018 al 2019. Invece è andata al tecnocrate Matteo Piantedosi, prefetto di Roma.

Tensione dell’alleanza

I colloqui per formare un governo sono stati oscurati dai disaccordi all’interno della coalizione di Meloni su uno dei maggiori problemi che l’Europa deve affrontare: la risposta alla guerra della Russia in Ucraina.

È stato costretto a chiarire il suo forte sostegno a Kiev e alle sanzioni dell’UE contro Mosca Berlusconi ha difeso il suo vecchio amico, il presidente Vladimir Putin.

Salvini è anche un ammiratore di lunga data di Putin e ha criticato le sanzioni occidentali imposte per l’aggressione russa in Ucraina.

Sabato Meloni ha ribadito la sua disponibilità a collaborare con la Nato, definendola “più di un’alleanza militare: non ci porremo come un bastione di valori comuni”.

Il capo della NATO Jens Stoltenberg e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si sono congratulati con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

“L’Italia sarà sempre dalla parte del coraggioso popolo ucraino”, ha detto Meloni.

Ma in un paese che ha avuto quasi 70 governi dal 1946, le tensioni con i suoi alleati rafforzano i dubbi su quanto a lungo potrà tenere unita la sua coalizione.

Dopo la cerimonia di consegna, Papa Francesco ha offerto le sue preghiere “per l’unità e la pace in Italia” nel suo Angelus settimanale, segnando l’inizio del nuovo governo.

Newsletter giornaliera Sabah

Tieniti aggiornato su ciò che sta accadendo in Turchia, nella regione e nel mondo.


Puoi lasciare il gruppo in qualsiasi momento. Registrandoti accetti i nostri Termini di utilizzo e Informativa sulla privacy. Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

READ  Sei Nazioni Rugby | KC Hatrick ha stabilito il record dell'Italia emergente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.