Media francesi: muore a 91 anni il famoso regista Jean-Luc Godard

PARIGI (Associated Press) — Jean-Luc Godard, il geniale “ragazzo terribile” della New Wave francese che ha rivoluzionato il cinema popolare nel 1960 con il suo film d’esordio “Breathless” ed è rimasto per anni uno dei registi più vivaci e provocatori del mondo , è morto. Lo hanno riferito i media francesi. Aveva 91 anni.

Diversi media francesi hanno confermato di aver appreso della sua morte dai suoi parenti martedì.

Godard ha sfidato la tradizione nel corso della sua lunga carriera iniziata negli anni ’50 come critico cinematografico. Ha riscritto le regole per la telecamera, il suono e la narrazione.

I suoi film hanno portato Jean-Paul Belmondo alla celebrità e la sua controversa opera moderna “Hell Mary” ha fatto notizia quando Papa Giovanni Paolo II lo ha denunciato nel 1985.

Ma Godard ha anche realizzato una serie di film, spesso politicamente carichi e sperimentali, deliziando alcuni al di fuori di una ristretta cerchia di fan e frustrando molti critici con il loro presunto eccesso di pensiero.

Il direttore del Festival di Cannes Thierry Frémaux ha dichiarato martedì all’Associated Press di essere “triste, triste. Fantastico” alla notizia della morte di Godard.

Nato in una ricca famiglia franco-svizzera il 3 dicembre 1930 a Parigi, cresciuto a Nyon, in Svizzera, ha studiato etnologia alla Sorbona nella capitale francese, dove è stato sempre più attratto dalla scena culturale che fioriva nel “cine-club “Quartiere latino dopo la seconda guerra mondiale.

Fece amicizia con i futuri famosi registi François Truffaut, Jacques Rivette ed Eric Romer e nel 1950 fondò la Gazette du Cinema di breve durata. Nel 1952 aveva iniziato a scrivere per la prestigiosa rivista cinematografica Cahiers du Cinema.

READ  Il gruppo Golden Globes è diverso dalla pianificazione del profitto

Dopo aver lavorato a due film di Rivette e Rohmer nel 1951, Godard ha tentato di dirigere il suo primo film mentre viaggiava attraverso il Nord e il Sud America con suo padre, ma non l’ha mai completato.

Tornato in Europa, ha lavorato in Svizzera come operaio edile su un progetto di diga. Ha usato la somma per finanziare il suo primo lungometraggio, Operation Concrete del 1954, un documentario di 20 minuti sulla costruzione della diga.

Tornato a Parigi, Godard ha lavorato come portavoce per un’agenzia di artisti e ha girato il suo primo film nel 1957, “Tutti i ragazzi si chiamano Patrick”, uscito nel 1959, e ha continuato ad affinare la sua scrittura.

Ha anche iniziato a lavorare su “Breathless” basato sulla storia di Truffaut. Doveva essere il primo grande successo di Godard quando fu pubblicato nel marzo 1960.

Il film è interpretato da Belmondo nei panni di un giovane ladro squattrinato che si ritrae in un gangster cinematografico hollywoodiano che, dopo aver sparato a un agente di polizia, scappa in Italia con la sua ragazza americana, interpretata da Jean Seberg.

Come I 400 colpi di Truffaut, uscito nel 1959, Godard ha dato un nuovo tono all’estetica del cinema francese. Godard ha rifiutato lo stile narrativo tradizionale e ha invece utilizzato frequenti transizioni in cui i dibattiti filosofici sono stati mescolati con scene d’azione.

Ha ricostruito il tutto con riferimenti ai film di gangster di Hollywood e cenni alla letteratura e all’arte visiva.

Nel 1961, Godard ha sposato la modella e attrice danese Anna Karina, che è apparsa in una serie di film che ha girato durante il resto degli anni ’60, tutti considerati pietre miliari della New Wave. Tra questi spiccano “My Life to Live”, “Alphaville” e “Crazy Pete” – interpretato anche da Belmondo e si dice che sia stato girato senza sceneggiatura.

READ  "Optimistic" all'Arena di Verona annuncia la lineup dell'opera estiva | Divertimento

Godard ha anche lanciato quello che sarebbe diventato un lungo coinvolgimento in progetti di film di gruppo, contribuendo alle scene in “I sette peccati capitali” insieme a registi come Claude Chabrol e Roger Vadim. Ha anche lavorato con Ugo Gregoretti, Pier Paolo Pasolini e Roberto Rossellini al film italiano “Let’s Have a Brainwash”, in cui le scene di Godard raffigurano un inquietante mondo post-apocalittico.

Godard, che in seguito si guadagnò una reputazione per le sue opinioni politiche di estrema sinistra, ebbe un litigio con le autorità francesi nel 1960 quando realizzò Il piccolo soldato. Il film, ricco di riferimenti alla guerra coloniale francese in Algeria, fu proiettato solo nel 1963, un anno dopo la fine del conflitto.

Il suo lavoro divenne decisamente politico alla fine degli anni ’60. In “Weekend”, i suoi personaggi deridono l’ipocrisia della società borghese anche se mostrano l’assurdità comica di una violenta guerra di classe. È stato rilasciato un anno prima che la rabbia popolare contro l’establishment scuotesse la Francia, culminando nella famosa ma di breve durata disordini studenteschi nel maggio 1968.

Godard nutriva una simpatia di lunga data per le varie forme di socialismo ritratte nei film che vanno dall’inizio degli anni ’70 all’inizio degli anni ’90. Nel dicembre 2007 è stato premiato dalla European Film Academy con un premio alla carriera.

Goddard ha scattato foto a Hollywood nel corso degli anni.

Rimase a casa sua in Svizzera invece di recarsi a Hollywood per ricevere un Honorary Academy Award in una cerimonia privata nel novembre 2010 insieme allo storico del cinema e conservatore Kevin Brownlow, al regista e produttore Francis Ford Coppola e all’attore Eli Wallach.

READ  20th Century Studios Nabs Sandra Oh e Awkwafina-Led Commedia Film

La sua continua difesa della causa palestinese gli portò anche frequenti accuse di antisemitismo, nonostante la sua insistenza sulla sua simpatia per il popolo ebraico e la sua difficile situazione nell’Europa occupata dai nazisti.

Sebbene l’Academy abbia ricevuto alcune lamentele sulla selezione di Godard per ricevere il premio, il presidente dell’Academy Tom Schack ha detto che il regista è stato onorato solo “per i suoi contributi al cinema nell’era della New Wave”.

Nel 2010, Godard ha pubblicato Film Socialism, un film in tre atti presentato in anteprima al Festival di Cannes.

Ha trascorso i suoi ultimi anni a Rolle, in Svizzera, vicino a dove è cresciuto lungo le rive del Lago di Ginevra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.