Matthew Trentin dice che il problema sono le auto, non le bici di prova

Matthew Trentin ha risposto al suggerimento di Chris Froome che le bici di prova dovrebbero essere bandite dal ciclismo professionistico per motivi di sicurezza, sostenendo che il problema non è il tipo di bicicletta utilizzata, ma “il numero di persone in auto oggi”.

Dopo il devastante collasso del suo ex compagno di squadra di Ineos, Egan Bernal, mentre si allenava in bicicletta in Colombia il mese scorso, Froome, che deve ancora ritrovare la sua forma vincitrice del Grand Tour dopo aver subito un incidente pericoloso per la vita prima della tappa pilota del 2019. du Dauphiné – Ha pubblicato un video su YouTube all’inizio di questo mese che ha sollevato l’idea che le bici da cronometro dovrebbero essere bandite dal ciclismo professionistico.

Il suggerimento del quattro volte vincitore del Tour de France ha fatto eco ai precedenti commenti di Tom Bidcock secondo cui ora era troppo pericoloso allenarsi con le bici da TT su strade pubbliche, anche se Wout Van Aert ha liquidato l’idea come “una sciocchezza”.

>Chris Froome chiede il divieto temporaneo della bicicletta nel ciclismo professionistico

La decisione di Froome di avviare una discussione sull’uso delle bici di prova nel ciclismo è stata guidata anche dal pilota Trentin del team degli Emirati Arabi Uniti, sulla questione più ampia della sicurezza del ciclista, in particolare per quanto riguarda l’inclusione delle sezioni di ghiaia nelle corse su strada.

Il classico italiano è uno degli attivisti più accesi di Peloton sul tema della sicurezza, rappresentando i suoi compagni corridori professionisti nella gilda dei corridori, CPA, e partecipando alle riunioni del comitato UCI.

READ  Il presidente della NBA si unisce allo show del Chelsea

Parlando a notizie di ciclismo In vista dell’inizio di Omloop Het Nieuwsblad di ieri (dove sarà settimo), Trentin ha risposto ai commenti di Froome scherzando inizialmente: “Non sarò mai bravo al TT, quindi non mi interessa davvero”.

Passando alle questioni più serie, il 32enne ha detto: “Certo, il senso dell’allenamento su strada di Chris con una TT è corretto, ma aggiungo che non è un problema con la TT, il problema è il traffico, il problema è il numero di persone in auto oggi. .

“In realtà anche le piccole strade di campagna possono essere pericolose, ma non perché hai una bici da TT, è perché hai una bici.

“Non sei protetto dall’essere investito da un’auto e le persone sono sempre più ansiose di passare una bicicletta senza motivo.

“In realtà è un problema con il modo in cui le persone pensano di sedersi in macchina, o forse a volte anche il modo in cui i ciclisti pensano di sedersi sulla bici. Dovrebbe essere più bello. Condividere le strade dovrebbe essere più bello di quanto non lo sia ora”.

Le bici da cronometro ora sono troppo pericolose per l’allenamento su strada pubblico, afferma Tom Bidcock

Alla domanda su come potrebbe cambiare l’attuale situazione sulle strade, Trentin ha affermato che il problema va oltre il panorama professionale, facendo eco alle opinioni dell’ente di beneficenza ciclistico del Regno Unito e sostenendo che deve verificarsi un cambiamento a lungo termine negli atteggiamenti tra gli utenti della strada.

“È un’abitudine. Devi cambiare le opinioni delle persone e questo richiede molto tempo”, ha detto.

READ  Ranieri - Voglio una reazione

“Non è qualcosa per il ciclismo professionistico. Siamo una piccola parte delle persone che guidano le bici su strada ogni giorno, davvero una piccola parte.

“I più grandi utilizzatori di strade in bicicletta sono i turisti o anche i bambini che vanno a scuola o le persone che vanno al lavoro, e dobbiamo essere più interessati a loro che a noi. È il nostro lavoro, sappiamo come comportarci la strada.

“Certo, può esserci un incidente dietro ogni curva, ma se vedi le statistiche, il 99 percento dei feriti in bicicletta a causa del traffico sono persone normali”.

Trentin ha chiamato il pro peloton a “inviare un messaggio” chiedendo maggiori protezioni per i ciclisti su strada, qualcosa che, secondo lui, aiuterà inevitabilmente la salute a lungo termine di questo sport.

Ha detto che i colleghi professionisti dovrebbero “essere più coinvolti nella diffusione del messaggio al mondo, anche nelle corse, qualcosa che non stiamo facendo al momento. È qualcosa come quando le corse diventano un problema rivoluzionario nello sport”.

“Ogni sport manda un messaggio. Per il futuro del ciclismo, chi sono i genitori che porteranno in strada i loro ragazzi di 12 o 13 anni? Credo che nessuno. Se vuoi portare i corridori in 20 anni e devi risolvere questo problema, devi rimediare a questo problema.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.