Massimo de Martire supera anche le sue aspettative – Annenberg Media

Massimo de Martire non aveva idea che sarebbe stato il capocannoniere dei Trojans quando è entrato per la prima volta nel campus quest’anno.

Ma con una sola partita rimasta nella stagione regolare, de Martire è attualmente il capocannoniere della USC per questa stagione. Il pilota diplomato italiano ha persino superato il compagno di Cappuccetto Rosso Jake Erhard, che attualmente è all’ottavo posto di tutti i tempi in termini di obiettivi in ​​carriera per i Trojan.

De Martyr è cresciuto a Napoli, in Italia, e gioca a pallanuoto da quando aveva otto anni. Mentre era in Italia, ha giocato ad alcuni dei più alti livelli di questo sport, tra cui il Circolo Nautico Posillipo e la nazionale giovanile italiana.

Dopo aver conseguito la laurea in Economia aziendale a Napoli nel dicembre 2021, de Martire ha deciso di fare il salto nel mondo e guardare le scuole negli Stati Uniti.

Sebbene il fratello minore di de Martire, Gianpero, giochi a pallanuoto all’Università della California, è stato il primo a convincere Massimo a prendere in considerazione l’USC.

“Mio fratello mi ha suggerito di contattare Marco Bentaric, Direttore Tecnico, perché ero interessato a seguire un master in finanza. [USC has] Questo programma è fantastico “, ha detto de Martire. Quindi l’ho contattato e abbiamo iniziato a parlare. È stato fantastico perché all’istante, davvero, hai una sensazione. “

Il sentimento era reciproco. Con il suo successo in Italia, l’allenatore Marco Bentaric sapeva di aver trovato qualcosa di speciale.

“Sapevo chi stavo guardando: le sue capacità offensive e difensive”, ha detto l’allenatore Marco Bentaric. “Quando recluti un giocatore del genere, speri solo che dica di sì”.

READ  Accuse di doping al centro della più grande corsa ciclistica italiana

Nonostante il successo in Italia, de Martire non avrebbe mai immaginato che avrebbe giocato allo stesso livello che ha in questa stagione. Ma ha effettuato una transizione senza interruzioni tra i continenti, guidando i Trojans nel segnare 46 gol e vincendo quattro volte il premio MPSF Newcomer of the Week.

“Per me è stato del tutto inaspettato”, ha detto de Martire. “Qui, una pallanuoto completamente diversa. Avevo bisogno di abituarmi a questo tipo di pallanuoto”.

Bentaric sapeva che sarebbero stati necessari aggiustamenti, ma sapeva anche che se avesse potuto convincere de Martire a restare con la USC, avrebbe avuto una stella nella sua squadra.

“È davvero difficile giocare in una nuova squadra”, ha detto Bentaric. “Come ti adatterai a una nuova cultura? Come ti adatterai a un nuovo campionato? E il modo in cui gioca è davvero fantastico”.

Sebbene de Martire abbia viaggiato per più di 6.000 miglia da casa sua, nella squadra c’era un volto familiare. Il pilota più anziano della Redshirt Ashworth Molthein ha incontrato De Martyr nel 2016 quando Multhein giocava per la squadra nazionale juniores degli Stati Uniti e De Martyr giocava per l’Italia.

“Sapevo di cosa era capace, ma non credo che molti dei ragazzi della squadra si aspettassero davvero quanto sarebbe stato bravo il giocatore”, ha detto Multheen.

Oltre alla sua capacità di segnare gol, Molthein ha accreditato la capacità di de Martyr di giocare con la passione e l’intensità che alimentano i suoi compagni di squadra.

“Ci piace giocare con le emozioni come squadra, sia in alto che in basso”, ha detto Multheen. “Quando giochi con uno come Massi, l’energia che mette in campo ci aiuta davvero, soprattutto a fine partita”.

READ  Spinazzola fa tornare l'Italia in finale di Nations League

Di Martire canalizza quell’energia competitiva soprattutto quando è vicino a un certo concorrente dell’USC: suo fratello.

Quando i fratelli escono dalla piscina, de Martire ha detto che è come tornare a casa in Italia. L’amore fraterno è stato buttato fuori dalla finestra, però, quando i fratelli de Martyr hanno giocato l’uno contro l’altro.

“È stata una strana emozione perché era la prima volta che incontravo mio fratello”, ha detto de Martire. “Durante la partita eravamo avversari, nessuna pietà. Ma dopo la partita siamo fratelli, quindi abbiamo condiviso i sentimenti e abbiamo iniziato a ridere della partita”.

Massimo cerca anche di trascorrere più tempo possibile con i suoi attuali compagni di squadra fuori dalla piscina. Il rapporto di Di Martire con i suoi compagni di squadra all’USC è diverso da quello che ha avuto in Italia mentre si preparavano a giocare nei tornei MPSF e NCAA.

“Abbiamo un obiettivo, un obiettivo, un obiettivo. È fantastico perché ci incontriamo qui ogni giorno per tre o quattro ore”, ha detto de Martire. “Stiamo lavorando sodo, abbiamo un obiettivo e vogliamo raggiungerlo”.

Indipendentemente dalle aspettative di qualsiasi compagno di squadra, allenatore o tifoso di De Martyr, nessuno avrebbe potuto prevedere quanto fosse importante per i Trojan. Non è solo il capocannoniere della squadra, si prepara al momento giusto. Nelle ultime cinque partite della USC, tutte contro concorrenti classificati, Di Martire ha segnato 13 gol.

I Trojan avranno bisogno di più abilità nel segnare gol di de Martyr quando il campionato MPSF inizierà a metà novembre e i campionati NCAA all’inizio di dicembre.

“Ci stiamo avvicinando alla parte più emozionante, la parte migliore della stagione”, ha detto de Martire. “Abbiamo l’Università della California, poi l’MPSF [Tournament] quaggiù. Sarà una passione incredibile e partite incredibili. Non vedo l’ora”.

READ  Il Milan ha battuto il Genoa mantenendo il vantaggio di due punti dopo la vittoria dell'Inter

Fuori dalla piscina, Di Martire bilancia l’essere un atleta D1 con il conseguimento della laurea. Non ha ancora deciso se continuerà a giocare a pallanuoto o userà la sua laurea per intraprendere una carriera in finanza una volta che lascerà la USC.

“Voglio lavorare e voglio esplorare le diverse possibilità che questo insegnante può offrirmi”, ha detto de Martire. “Io no [want to] Chiudi la porta alla pallanuoto e gioca a livello professionistico in Europa, quindi ancora non lo so. Voglio vivere pienamente e godermi queste sensazioni. E poi, vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.