Mark Darrah di BioWare ritiene che Veilguard sia il primo Dragon Age in cui “il combattimento è davvero divertente”.

Mark Darrah, ex produttore esecutivo di Dragon Age, ha lasciato BioWare nel 2020, commentando che “So che Dragon Age non solo sopravviverà senza di me, ma prospererà”. Non sapremo mai la verità su questa affermazione, perché Darrah è ora tornata alla BioWare per fungere da consulente per Dragon Age: The Veilguard, recentemente rivelato. Si ritiene che sia fiorente. Nello specifico, si ritiene che questo sia il combattimento più divertente di sempre in Dragon Age. Shh, nessuno lo dice all'Inquisizione.

“Quello che vedo in Veilguard è un gioco che finalmente colma il divario”, ha detto Dara a una rivista online. Gioco investigativo Una nuova anteprima approfondisce un po' il nuovo stile di gestione tattica del gioco. “È strano che i precedenti giochi di Dragon Age siano arrivati ​​al livello del 'il combattimento non era poi così male'. In questo gioco, il combattimento è effettivamente divertente, ma mantiene quel filo che è sempre stato lì. Tu ti concentri su Rook , sul tuo personaggio, ma hai ancora quel controllo e quella personalità che entrano nell'esperienza di combattimento di altre persone nel tuo gruppo.

Il pezzo include anche alcuni commenti della direttrice del gioco Corinne Busche, la quale sottolinea che il combattimento di Dragon Age è in uno stato di flusso da molto tempo e giustifica il passaggio al tempo reale facendo sembrare che tu sia effettivamente lì. “Ogni voce reinventa l'aspetto del combattimento e direi che il nostro obiettivo è assicurarci di avere un sistema che permetta ai giocatori di sentirsi come se potessero effettivamente entrare nel mondo di Thedas”, ha detto Bush al sito. “Non sono giocatori che guardano da lontano, sono all'interno di quel mondo. Dato che questo è il mondo reale portato in vita, il sistema di combattimento deve supportarlo, così hai il controllo di ogni mossa, ogni blocco, ogni schivata.” . Ogni colpo della tua spada.”

READ  Il CEO di Payday 3 Dev si scusa per i problemi del server al momento del lancio

Sono sempre un po' scontroso riguardo alle argomentazioni secondo cui il combattimento in tempo reale è più coinvolgente o realistico o cosa vuoi del combattimento a turni, per esempio. Dragon Age è un gioco in cui fluttuo nell'aria fuori dal corpo del mio personaggio mentre spara fulmini viola alle incarnazioni demoniache del Pride. Non mi sentirò mai “dentro questo mondo”, anche se premo il pulsante che spara quel particolare fulmine. Sono più convinto dalla successiva affermazione di Busche secondo cui vuole che il combattimento e gli aggiornamenti di Dragon Age: The Veilguard siano basati su “numeri reali”, ovvero numeri grossi come +25% il cui impatto può essere compreso a colpo d'occhio.

In generale, i potenziamenti di Veilguard riguardano “il cambiamento del gameplay, non i dettagli statistici”, spiega Busche, con abilità passive che includono colpi critici garantiti e attacchi in salto. Direi che i rapporti più complessi in Inquisition cambiano il gameplay, ma il sistema Veilguard sembra decisamente che richiederebbe meno tempo nei tiri per eseguire le combo. La transizione qui mi ricorda la transizione da Darkest Dungeon 1 a Darkest Dungeon 2, che semplifica anche le statistiche a un multiplo di 12,5, e non è peggio.

Ci sono anche alcuni dettagli sui compagni, che ottengono alberi di potenziamento più piccoli rispetto a quelli del personaggio principale Rook (in Inquisition, ogni personaggio ha accesso generalmente allo stesso numero di opzioni). Salgono di livello aumentando il livello della tua relazione con loro, il che fa guadagnare loro un punto abilità; Non sembrano ottenere XP alla vecchia maniera, anche se l'immagine è sfocata.

“[Companions] “Loro sono il loro stesso popolo”, ha detto Bush riferendosi al comportamento dei compagni in battaglia. “Hanno i loro comportamenti, hanno la loro autonomia sul campo di battaglia e sceglieranno i propri obiettivi Man mano che la trama avanza, impareranno come usare le loro abilità in modo più efficiente e avranno davvero la sensazione di combattere al fianco di loro -raggiungere i personaggi.” Tuttavia, è comunque importante utilizzare le abilità dei personaggi in tandem. Bush ha fornito l'esempio di un personaggio che rallenta il tempo in modo che un altro possa sferrare un potente attacco ad eliminazione diretta, consentendo al giocatore di sferrare un colpo mortale. “È un gioco in cui si crea quel senso organico di lavoro di squadra”.

READ  Cos'è questa sciocchezza?!?! Acquista iPhone 14 Pro e ricevi in ​​omaggio iPad, Apple Watch e cuffie Beats!

Nel mio primo sguardo a Dragon Age: The Veilguard ho scritto: “Sto certamente piangendo l'era di Dragon Age meno ricca di azione e più strategica di quanto avrebbe potuto essere, ma sono più entusiasta di Veilguard di quanto avessi mai pensato lo cercherei.” Sintonizzati sul primo trailer.” Da allora abbiamo appreso che il gioco ti limiterà a due compagni di battaglia, un altro passo avanti rispetto alle tattiche basate sui gruppi di Inquisition. Quindi, sì, sono ancora un po' triste, ma sono ancora spero che The Veilguard si dimostrerà un R-game Interessante e divertente se non il Dragon Age Fourquel che volevo La cosa principale per me è la trama. Non mi dispiacerebbe che fosse un grande film se ci fosse un grande dark fantasy. melodramma Incrocio le dita per riuscire a suonarlo di nuovo prima della pubblicazione e familiarizzarmi con esso. Eventi oltre l'introduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *