Marco: Marco polarizza la politica italiana

Il famoso professore emerito di semiotica, Humbugo Ego, stava lavorando a una dissertazione sulla causa principale dietro la famosa volatilità dell’arena politica italiana, che ora vedeva un primo ministro ampiamente descritto come più a destra di Clint Eastwood che giocava un doppio ruolo. Nel remake di Dirty Harry.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, il paese ha avuto 68 governi in 76 anni. La fronte del pensiero si corrugò e il professore rintracciò l’agente causale responsabile di questo rapido cambiamento di giudizio. Il responsabile di ciò fu quel Marco Polo veneziano del XIII secolo, che si fece turista molto prima ancora che il turismo fosse inventato, arrivato in Cina.

In Cina Marco ha fatto una grande scoperta: la pasta. E da povero com’era, l’ha riscoperto a casa in Italia, dove è diventato non solo un successo dall’oggi al domani, ma un’ossessione per tutta la vita, cambiando il corso della storia del paese. Un sedile la cui lunghezza poteva essere misurata con un righello metrico ha dato un significato completamente nuovo a un pranzo lungo, se non piacevole.

Fino ad allora, andava tutto bene. Ma poi l’innato genio italiano per l’individualismo creativo ha preso il sopravvento, in particolare per quanto riguarda la cucina, e la scoperta cinese di Marco è diventata una matrice per glifi alimentari di una sconcertante varietà di forme, dimensioni e connotazioni. Il professore sospirò, il professore sospirò. Charles de Gaulle una volta chiese come si potesse governare un paese con 246 formaggi. Ma cosa direbbe o farebbe l’indiscusso generale di fronte a quella che si potrebbe definire una carica di cavalleria di oltre 400 tipi di cavalleria che potrebbero far risalire la loro discendenza a un compagno di viaggio cinese che Marco aveva portato dalle sue peregrinazioni?

READ  Popyrin torna in azione con Dubai che vince

Prima di poter dire spaghetti (plurale di spaghetti, diminutivo di spago, o filo sottile), avevi spaghetti, che si riferiva al filo più sottile, e spaghettini, che si riferiva al filo più grosso. Sono stati inoltre assegnati punteggi numerici, con spaghetti etichettati al numero 5, spaghetti etichettati al numero 3 e spaghetti etichettati al numero 8.

E quando conti uno, duo e tre – o, in questo caso, cinque, tre, otto – c’erano spaghetti, ravioli, rigatoni, fusilli, cannelloni e farfalle, penne, linguine, bucatini e vermicelli (prodotti in Genova). , detta anche Capello d’angelo alias n. 9), tagliatelle, pappardelle, trofie, casercecce, gemelli, rotini, malfadine, conchiglie, lumache, lumaconi, …

pasta! abbastanza! Ma non lo era. Per la presenza degli Albigoli veneti e dello Strozzapreto emiliano-romagnolo, detto anche il prete strangolato, i quali, secondo la tradizione, donati ai preti avidi dai cittadini del luogo, li divoravano in fretta fino a soffocato. Gigli è apparso dalla Toscana, che si traduce come “gigli”, ed è la specialità di Firenze.

Per non essere da meno, l’Abruzzo nel centro Italia ha creato la cittara, che significa “chitarra”, che è lunga e sottile, e ritagliata con un dispositivo simile ad un’arpa. Su filindeu, il filo degli dei, bollito in brodo e condito con formaggio grattugiato è un piatto unico della Sardegna, e da oltre 300 anni viene preparato nel villaggio di Lola dalle donne che ne hanno custodito nei secoli la preparazione. Ora, è rimasta una famiglia per prepararlo per il consumo durante la festa di San Francisco il 1 maggio, quando oltre 50 kg di prelibatezza vengono serviti alla gente del posto e ai visitatori provenienti da ogni parte del mondo che fanno il viaggio per assaggiare questa rara dolcezza.

READ  L'Italia rifiuta l'accordo dei due Stati per Cipro divisa in modo etnico | Scienziato

Quindi, dato che tutti questi diversi tipi di ingredienti di base sono costituiti da semola di gran duro – come mai si presentano in una vera abbondanza di configurazioni? Il motivo è che ciascuno ha una forma tale che – lungo o corto, grassoccio o liscio, dritto o a spirale, piatto o rotondo – si mangia meglio con un particolare tipo di salsa o salsa, ognuno dei quali è diverso dall’altro nelle sue sfumature. consistenza e sapore.

Questo panorama in continua evoluzione di cucina in competizione, ha concluso il professor Eggo, si rispecchiava nel dramma del lavello della cucina della politica, la politica italiana, dove non appena si era insediato un governo, questo veniva rovesciato da un nuovo pretendente per essere il sapore del mese. Perché il suo miglior appuntamento è stato un lungo taglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.