Maneskin A Thrill a Chicago mentre continua il primo tour negli Stati Uniti

Per la rockstar italiana Måneskin, il successo è arrivato solo dall’oggi al domani.

Mentre la loro cover di “Beggin'”, un successo di debutto per Frankie Valli e il Four Seasons Hotel nel 1967, ha iniziato a entrare nelle classifiche negli Stati Uniti alla fine del 2021 (raggiungendo infine il numero 13 nella classifica Hot 100 Singles mentre era in cima a Rock Airplay), il la storia della canzone in realtà risale a molto prima.

Dopo aver eseguito su X Factor ItaliaLa traccia è stata inizialmente pubblicata nell’EP di debutto dei Måneskin Selezione nel 2017 è entrato in classifica in Italia l’anno successivo. La canzone è finalmente diventata un successo dopo il successo della band Eurovisione È arrivato nella primavera del 2021, entrando nella top 10 in quasi 40 paesi con il successo su TikTok che ha portato il singolo alle stelle quasi ovunque.

Ciò che ha funzionato per quasi cinque anni è esploso rapidamente negli Stati Uniti nell’ultimo anno, lasciando alla band poco tempo per adattarsi al loro crescente successo.

“Non proprio”, ha detto il batterista dei Manskin Ethan Torchio con una risatina dietro le quinte. a Lollapalooza quando gli è stato chiesto se la band avesse tempo per fare il punto sul loro anno. “Non va bene. Lavoriamo tutti i giorni e viaggiamo molto”, ha detto il chitarrista Victoria DeAngelis. “Penso che sarebbe fantastico avere due settimane in cui fossimo liberi e poter lasciare che tutto assorbisse e renderci davvero conto di cosa stava succedendo e apprezzarlo di più. Ma per ora, ci stiamo solo divertendo e vivendo giorno per giorno”.

Un occhio da Forbes 30 under 30 nell’intrattenimento europeo Lo scorso maggio, la band ha iniziato a colpire il circuito dei festival negli Stati Uniti, esibendosi per la prima volta a Chicago al Lollapalooza lo scorso luglio e da allora in tour costantemente. con il loro terzo album Accelera!disponibile per me Preordinalo ora Prima dell’uscita a gennaio, il 2023 sembra essere ricco di eventi poiché la band cerca di capitalizzare il suo successo.

Nel bel mezzo di un meritato tour di trionfo negli Stati Uniti, il gruppo è tornato a Chicago la scorsa settimana, con il tour “Loud Kids Get Louder” che si è fermato all’Aragon Ballroom da 5.000 posti giovedì (parte di un tour nordamericano che attraverserà metà dicembre prima di trasferirsi).all’estero nel febbraio 2023).

Questa volta, il gruppo ha fatto esplodere un’esplosione senza precedenti per il loro festival all’aperto tenuto al chiuso, dove la loro esibizione dal vivo è ancora guidata da un’energia sfrenata e da un’eccitazione giovanile, una serata caratterizzata dalla sua imprevedibilità.

“Andiamo, Chicago!” ha esclamato il frontman Damiano David Pelle di uomo Le cose sono iniziate con il nuovo singolo, “Kool Kids”.

David, evocando le immagini del frontman dei Talking Heads David Byrne in un abito grigio oversize, si è allontanato mentre De Angelis si avvicinava, il chitarrista Thomas Raggi al centro della scena mentre i battiti di ciglia lampeggiavano, raggiungendo i suoi petali di effetti speciali prima di strappare un primo singolo su ” ZITTI E BUONI.”

Damiano si è accovacciato, fingendosi che la chitarra di Raji iniziasse a suonare, mentre la folla era tutta illuminata, e hanno alzato le mani all’unisono durante “Enum del Padre”.

“Ciao Chicago! Come stai?” ha chiesto Damiano, calmando la folla (anche se temporaneamente). “Sì. In questo momento, ho solo bisogno di due minuti del tuo tempo perché, ovviamente, devo cambiarmi le scarpe”, disse con una risata collettiva. “Posso avere un po’ di luce sul palco?” in realtà scambiando le scarpe mentre la band rifaceva “SUPERMODEL”, ha chiesto il cantante. “Tutti saltano!” Gridò in cima al colpo finale del gruppo. “SALTA! SALTA!”

Rallentando le cose, i Måneskin sono andati avanti con “CORALINE”, una canzone che è “molto triste” come spiega Damiano.

Da lì, il ritmo è aumentato, con la band che ha suonato dal vivo “Beggin'”. La folla ha ripreso il secondo ritornello mentre Damino scendeva una piccola rampa di scale fino al pavimento del palco, mescolandosi con il pubblico mentre De Angelis saltava sul palco. Damiano si è esibito con un subwoofer e, al ritorno, ha eseguito la parte vocale di Chicago finché Raji ha suonato sopra l’alzata della batteria.

Spinto dalla batteria di Torchio, il brano inedito “Gasoline” è stato un successo mentre la performance di Windy City Thursday volgeva al termine, l’applauso della folla insieme a Raggi che strappava un assolo infuocato.

“Signore e signori, questa è l’ultima canzone che suoneremo per voi stasera”, ha detto Damiano, chiamando dozzine di fan sul palco prima di introdurre “LIVIDI SUI GOMITI”, che suona come un veloce rap italiano.

Ma il momento clou del set di Chicago di giovedì è stato “I Wanna Be a Slave”, una canzone assolutamente meravigliosa che la band ha suonato due volte, concludendo il suo set con un taglio staccato. La batteria di Torchio ha lasciato il posto alla voce pulsante di De Angelis, e Raggi ha finalmente preso il sopravvento mentre De Angelis si è fatta strada verso il frenetico pubblico di Chicago, mentre la folla tornava sul palco.

“Come tutti sanno, siamo una band italiana, nata e cresciuta in Italia”, ha detto Damiano sul palco giovedì. “Pertanto, per noi, è un grande onore e una grande responsabilità portare la musica italiana in tutte le parti del mondo”, ha aggiunto. “Allora, grazie Chicago.”

READ  Il talento Mr. La scena di Ripley è più importante di quanto pensi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.