Mancini dice che la partenza di Ciellini dalla Juventus e dall’Italia è “un peccato per tutti”

Il Ct dell’Italia Roberto Mancini ha annunciato che la decisione di Giorgio Ciellini di lasciare la Juventus e ritirarsi dal calcio internazionale è “un peccato per tutti”.

La Juve Cielini ha confermato a Torino al termine della stagione dopo la sconfitta per 4-2 in finale di Coppa Italia contro l’Inter la scorsa settimana, chiudendo un gap di 17 anni con Pianconeri, che ha alzato 20 trofei.

Il difensore centrale ha già rivelato che si ritirerà dalla nazionale italiana dopo aver giocato contro Asuri in Argentina il 1 giugno allo stadio di Wembley.

Come decisione opportuna dopo che l’Italia ha sollevato Euro 2020 a Wembley a luglio, Ciellini ha scelto di giocare nella nuova finale, la finale di Copa America e Campionato Europeo l’una contro l’altra.

Possibile passaggio della MLS a Chiellini

I rapporti suggeriscono che il 37enne Siellini potrebbe accettare l’opportunità di giocare alla MLS prima di assumere una significativa esperienza in responsabilità manageriali o di coaching.

Mancini, parlando al Premio Prisco a Seattle, dove ha ricevuto il Premio Speciale Arbitro, ha subito elogiato il giocatore senior Siellini per aver riflettuto sulla sua influenza nel calcio italiano.

“Piangiamo tutti perché è stato un grande giocatore per la Nazionale e la Juvi”, ha detto Mancini, citando il corriere Tello Sport.

“Purtroppo il tempo stringe per tutti. Ha preso questa decisione, ma partire dopo aver vinto l’Europeo in una gara come quella di Wembley è ancora più importante.

Amuleto del Napoli Lorenzo Insane ha anche annunciato la sua partenza dalla Serie A per trasferirsi al Toronto FC a fine stagione.

READ  L'uomo che ha ucciso Meredith Kercher è uscito di prigione in Italia Meredith Kercher

Il 30enne ha segnato domenica quando è apparso nella sua ultima casa con il Napoli. È diventato il secondo miglior marcatore nella storia del club, perdendo il 121 di Marek Hamsik.

Il compagno di squadra Trice Mertens, con 148 punti, ha segnato il maggior numero di gol con il Napoli e ha parlato brillantemente delle insegne di Mancini dopo i suoi sforzi a Napoli e in nazionale.

“Farà comunque un’esperienza importante. Ha dato molto alla Nazionale e spero che possa rifarla. Il boss azzurro ha aggiunto.

Mancini ha criticato

Quando quei due esperti attivisti hanno lasciato la serie, Mancini crede che sia ora che la massima serie italiana colmi il vuoto, regalando più giovani talenti, e Insini se ne andrà.

Dopo la sconfitta agli spareggi dell’Italia contro la Macedonia del Nord a fine marzo, Mancini e l’organizzazione italiana sono state criticate per non essersi fidati dei giovani giocatori.

“L’importante è svegliarsi quando le cose non vanno per il verso giusto”, ha continuato. Ospiteremo le partite in estate e poi ripartirà la Nations League.

“Ci sono tanti giovani interessanti in campionato, ma noi vogliamo di più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.