L’Ucraina subisce un “massiccio” attacco informatico ai siti web del governo | Ucraina

L’Ucraina è stata oggetto di un attacco informatico “massiccio”, con i siti Web di diversi dipartimenti governativi tra cui ministro degli Affari Esteri Il Ministero della Pubblica Istruzione è uscito.

I funzionari hanno affermato che era troppo presto per trarre conclusioni, ma hanno notato un “lungo record” di attacchi informatici russi contro l’Ucraina, con l’attacco che si è verificato dopo. I colloqui sulla sicurezza tra Mosca, gli Stati Uniti e i suoi alleati questa settimana si sono conclusi in una situazione di stallo.

Secondo i rapporti, sospetti hacker russi hanno lasciato un messaggio sul sito web del Dipartimento di Stato. Ha detto: “Ucraini! … Tutte le informazioni su di te sono diventate pubbliche. Abbi paura e aspettati il ​​peggio. È il tuo passato, il tuo presente e il tuo futuro”.

La lettera ha riemesso la bandiera ucraina e ha barrato la mappa. Ha menzionato l’esercito insorto ucraino, o UPA, che ha combattuto contro l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale. C’era anche un riferimento a “terra storica”.

In una lettera al Guardian, il portavoce del ministero degli Esteri Oleg Nikolenko ha dichiarato: “A seguito di un attacco informatico su larga scala, il sito web del ministero degli Affari esteri e di altre agenzie governative è stato temporaneamente disattivato”.

READ  Madrid explosion: two dead and several wounded in an explosion in the Spanish capital

“I nostri specialisti hanno già iniziato a ripristinare i sistemi informatici e la polizia informatica ha aperto un’indagine”, ha aggiunto.

Josep Borrell, il massimo diplomatico dell’Unione europea, ha condannato gli attacchi. Ha affermato che il Comitato politico e di sicurezza dell’UE e le unità informatiche si incontreranno per decidere come rispondere e sostenere Kiev.

Mobiliteremo tutte le nostre risorse per aiutare Ucraina per affrontare questo. Sfortunatamente, sapevamo che sarebbe potuto succedere”, ha detto. Ha aggiunto: “È difficile da dire [who is behind it]. Non posso incolpare nessuno perché non ho prove. Ma possiamo immaginare”.

Il ministro degli Esteri svedese Anne Linde ha affermato che l’Occidente deve resistere a qualsiasi aggressione russa. “Dobbiamo essere molto fermi nei nostri messaggi alla Russia, che se ci saranno attacchi contro l’Ucraina, saremo molto duri, molto forti e forti nella nostra risposta”, ha detto. Ha aggiunto che la Svezia era solidale con Kiev.

Giovedì, gli inviati russi hanno emesso una nota cupa dopo le discussioni di questa settimana con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa a Vienna, nonché poi e gli Stati Uniti. Sergei Ryabkov, a capo della delegazione russa, ha affermato I colloqui sono giunti a un punto morto.

Il Cremlino ha chiesto garanzie che l’Ucraina e la Georgia non aderiranno mai alla NATO. E tu vuoi che la NATO ritiri truppe ed equipaggiamenti dai suoi stati membri a est Europa, e il ritorno della proliferazione ai livelli del 1997, prima dell’espansione della NATO.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato venerdì che Mosca non aspetterà una risposta indefinitamente. “Abbiamo esaurito la pazienza”, ha detto in una conferenza stampa. “L’Occidente è stato guidato dall’arroganza e ha esacerbato le tensioni in violazione dei suoi obblighi e del buon senso”.

READ  Stati Uniti: Cinque morti dopo l'esplosione di una mongolfiera sulle linee elettriche di Albuquerque, New Mexico | Notizie dagli Stati Uniti

La Russia ha mobilitato 100.000 soldati al confine con l’Ucraina e inviato equipaggiamento militare. Ministero della Difesa annunciare Ha detto che più attrezzature sarebbero state spostate dall’est del paese come parte di quello che ha descritto come un “esercizio”.

L’Ucraina è stata ripetutamente presa di mira dal 2014, quando Mosca ha annesso la Crimea e ha iniziato la guerra nella regione orientale del Donbass. E sono stati circa 288mila gli attacchi informatici nei primi 10 mesi del 2021, secondo i dati ufficiali, 397mila nel 2020.

Gli attacchi sono stati diretti anche alle infrastrutture critiche. Nell’inverno del 2015, sospetti hacker russi hanno sequestrato parti della rete elettrica del paese, causando la perdita di elettricità e calore a quasi un quarto di milione di ucraini. Un attacco ripetuto si è verificato nel 2016.

Nel 2017, sospetti hacker russi hanno scatenato il virus NotPetya, provocando il caos. Nel mirino banche, giornali e aziende leader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.