L’Ucraina libera migliaia di persone dall’occupazione mentre la prima linea russa crolla

“Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico”, ha detto ai residenti Kirill Strimosov, il vice capo della regione di Kherson nominato da Mosca.

Ha detto: “La nostra artiglieria e aerei da combattimento stanno colpendo le forze nemiche che entrano nel territorio sotto la sovranità della Russia”. “Sì, puoi sentire le esplosioni in lontananza, ma sono rare.”

Il ministero della Difesa russo ha affermato in una conferenza stampa pomeridiana di aver distrutto “nove carri armati, 12 veicoli da combattimento di fanteria, 20 veicoli e 250 membri del personale” nella zona di combattimento, ma non ha indicato il ritiro.

Si prevede che i leader russi tenteranno di installare la linea prima che gli ucraini raggiungano Nova Khakova, il sito della diga idroelettrica che funge anche da ponte terrestre attraverso il fiume Dnepr.

In caso contrario, potrebbe portare a un crollo generale del gruppo dell’esercito russo a ovest del fiume Dnepr.

Novakova è uno degli unici due ponti che i russi possono utilizzare per rifornire le truppe sulla sponda occidentale del fiume.

L’altro ponte, l’Anontonsky Bridge a Kherson, è stato reso inutilizzabile a causa degli scioperi dei Rossi ucraini.

La diga di Novokakova si trova a circa 33 miglia a sud-ovest di Dudchany ed è uno dei principali obiettivi delle forze ucraine.

Il ritiro sembrava arrivare quando il Consiglio della Federazione Russa martedì ha ratificato l’annessione formale di quattro regioni occupate dell’Ucraina, inclusa la regione meridionale di Kherson.

In risposta, Volodymyr Zelensky, Presidente ucrainoun decreto che esclude formalmente i colloqui di pace con la Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.