L’uccello principale della Cornovaglia muore nella caduta delle montagne italiane

Un semplice saltatore della Cornovaglia è morto dopo essere caduto da una montagna in Italia. Mark Andrews è morto dopo essere caduto da 400 metri su una roccia sabato (3 giugno).

E’ accaduto nei pressi di Trento dove il 65enne, di Redruth, avrebbe indossato una muta o un ombrello. Non è noto se sia stato in grado di pubblicarlo o meno, come da rapporti mail giornaliera..



La polizia italiana ha detto che le circostanze della sua morte sono sotto inchiesta. È successo in un famoso punto di salto nelle Dolomiti italiane in Paganella.

Per saperne di più: L’autista è morto e prende il nome dall’auto che si è ribaltata sul tetto

Si dice che il 65enne ingegnere in pensione sia stato relativamente recente nel base jumping come sport, ma aveva completato quasi 600 salti prima della sua morte. Il suo corpo è stato trasportato in un vicino ospedale in attesa del rimpatrio.

Un base jumper che conosceva Mark ha detto al Daily Mail che faceva base jumping da quasi dieci anni. “È arrivato al base jumping molto tardi”, ha detto. “Lo fa solo dal 2014, ma ha fatto un sacco di cose in questi nove anni.

Ricevi ogni giorno le storie migliori nella tua casella di posta. Scegli quello che ti piace qui.

“Era coraggioso e ci mancherà. Era un habitué in Italia di molti eventi di base jumping, ma ha anche saltato in tutto il mondo da ponti e grattacieli”.

Mark Andrews con gli amici(Foto: Instagram/Mark Andrews)

Mark Andrews era originario di Redruth in Cornovaglia, ma aveva vissuto a Mosca prima di trasferirsi a Bucarest. Lavoro di ingegnere di perforazione.

READ  “Patetico”: criticata la Tennis Association per aver rifiutato di ritirare le carte d'addio | tennis | gli sport

leggi quanto segue:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *