L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il vaiolo delle scimmie può essere contenuto se agiamo ora

  • Al momento non è necessaria la vaccinazione di massa, afferma il corpo
  • È necessaria una maggiore condivisione dei dati sugli stock di vaccini
  • Finora sono stati segnalati circa 300 casi al di fuori dell’Africa

GINEVRA (Reuters) – I paesi dovrebbero adottare misure rapide per contenere la diffusione del vaiolo delle scimmie e condividere i dati sulle loro scorte di vaccini, ha affermato venerdì un alto funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“Riteniamo che se adottiamo le misure giuste ora, potremmo essere in grado di contenerlo facilmente”, ha detto all’assemblea annuale dell’agenzia delle Nazioni Unite Sylvie Briand, direttrice della preparazione ai rischi infettivi globali dell’OMS.

Il vaiolo delle scimmie è solitamente una lieve infezione virale endemica in alcune parti dell’Africa occidentale e centrale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Si diffonde principalmente attraverso contatti ravvicinati e fino a quando il recente focolaio della malattia è raramente visto in altre parti del mondo, motivo per cui la recente comparsa di casi in Europa, Stati Uniti e altre regioni ha sollevato allarmi.

Finora, ci sono circa 300 casi confermati o sospetti in circa 20 paesi in cui il virus non è stato precedentemente in circolazione. Leggi di più

“Per noi, pensiamo che la priorità principale in questo momento sia cercare di contenere questa trasmissione nei paesi non endemici”, ha detto Briand in un briefing tecnico per gli Stati membri.

Ha aggiunto che le procedure richieste includono il rilevamento precoce e l’isolamento dei casi e il tracciamento dei contatti.

Briand ha affermato che gli Stati membri dovrebbero anche condividere informazioni sulle scorte di vaccini contro il vaiolo di prima generazione che potrebbero essere efficaci anche contro il vaiolo delle scimmie. Leggi di più

READ  La NASA adotta misure di emergenza per salvare la sonda Marte morente

“Non sappiamo esattamente quante dosi sono disponibili nel mondo ed è per questo che stiamo incoraggiando i paesi a venire all’OMS e dirci quali sono le loro scorte”, ha detto. Una diapositiva della sua presentazione ha descritto le forniture globali come “estremamente limitate”.

Per ora, i funzionari dell’OMS sconsigliano la vaccinazione di massa e suggeriscono invece una vaccinazione mirata, quando disponibile, ai contatti stretti delle persone infette.

“Le indagini sui casi, il tracciamento dei contatti e l’isolamento domiciliare saranno le soluzioni migliori”, ha affermato Rosamund Lewis, capo dell’OMS per il Segretariato contro il vaiolo che fa parte del programma di emergenza dell’OMS.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Andrew Heavens

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.