L’Opera Vivaldi viene proiettata nella città italiana con quasi 300 anni di ritardo

ROMA – La Chiesa cattolica e la città di Ferrara, nel nord Italia, fanno pace con Antonio Vivaldi da quasi 300 anni, dopo che l’arcivescovo della città ha di fatto annullato il concerto di uno dei suoi concerti, indebitando il celebre compositore barocco durante i suoi ultimi anni di esilio.

L’arcivescovo di Ferrara Giancarlo Perego partecipa giovedì all’inaugurazione de Il Farnace di Vivaldi al teatro pubblico della città, lodando la decisione del direttore artistico del teatro come un “gesto meraviglioso” che aiuterà a sanare il passato e a mettere in luce una delle opere meno conosciute di Vivaldi.

“Vogliamo recuperare ciò che è stato sottratto a Vivaldi a Ferrara”, ha detto Marcello Corvino all’Associated Press prima della prima de “Il Farnace”, che racconta la tragica discesa di King Forces II.

Secondo gli storici, quando Vivaldi fu bandito da Ferrara dal cardinale Tomaso Rufo, annullò di fatto la prevista produzione carnevalesca del 1739 del suo “Il Farnace”, che aveva già riscosso successo in Italia e non solo. Il motivo di Rufo? Vivaldi, che è stato ordinato sacerdote cattolico, ha smesso di celebrare la messa e si dice che abbia avuto una relazione con una delle sue cantanti, Anna Giro.

Vivaldi Mass infatti non ha celebrato perché soffriva da tempo di problemi respiratori, e Corvino ha detto che il suo rapporto con Giro era come qualsiasi altro compositore con il suo cantante solista.

Corvino ha detto che la cancellazione è stata un disastro finanziario per Vivaldi perché aveva già pagato per la produzione e stava già vivendo una crisi a causa della mancanza di supporto per il suo lavoro strumentale.

READ  L'Ambasciata d'Italia a Riyadh ha lanciato la campagna 'Made in Italy'
Cantanti il ​​29 dicembre 2021 presso “Il Farnace” di Antonio Vivaldi a Ferrara, Italia.Via Marco Caselli Nirmal / Fondazione Teatro Comunale Ferrara AP

Vivaldi era indebitato e morì a Vienna nel 1741. Fu solo dopo che i suoi manoscritti furono riscoperti che divenne famoso postumo per “Le quattro stagioni” e altri concerti.

Federico Maria Sardelli, che gestisce l’opera, Federico Maria Sardelli, che gestisce l’opera, ha detto: “Questa è quasi una testimonianza del ritardo nel pagamento di Vivaldi da parte di Ferrara”.

Sardelli afferma che dopo che il cardinale Ruffo aveva vietato al compositore veneziano di calpestare Ferrara, Vivaldi inizialmente ha cercato di segnare la produzione da lontano scrivendo le ovvie didascalie e le note esplicite e descrittive che ha dato ai suoi cantanti in persona.

Quelle note sono nel manoscritto realizzato per la produzione ferrarese, mai messo in scena. Sardelli ha detto in un video promozionale che le note lo hanno guidato a correre due notti per iniziare l’opera giovedì.

“Abbiamo questo tesoro, questo punteggio, questo è lo specchio del processo di Vivaldi”, ha detto. “Ha scritto cose incredibili che nessun compositore barocco potrebbe scrivere su uno spartito perché lo direbbero di persona. Siamo fortunati a scrivere la voce di Vivaldi su questo spartito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.