Lo studio ha rilevato che la metà delle donne riceverà una mammografia 3D falsa positiva

La metà di tutte le donne che ottengono mammografie 3D sperimenteranno falsi positivi in ​​un decennio di screening annuale, uno studio pubblicato venerdì in La rete JAMA è aperta ho trovato.

Perchè importa: I falsi positivi – quando una mammografia è contrassegnata come anormale, ma nessun cancro – è sempre stato un problema. Ma la mammografia 3D è stata ampiamente commercializzata da ospedali, medici e alcuni gruppi di pazienti per la sua capacità di fornire immagini di qualità superiore e studi precedenti hanno scoperto che porta a un minor numero di falsi positivi.

cosa stanno dicendo: “Ogni volta che vengo richiamata per un lavoro aggiuntivo, è molto stressante perché le donne pensano di avere il cancro”, ha detto ad Axios Diana Miglioretti, autrice principale, professoressa e presidente di biostatistica presso il Dipartimento di scienze della salute pubblica dell’UC Davis.

  • “Spesso possono essere necessari giorni o addirittura settimane per risolvere questo problema”, ha detto. “La cosa principale è che vogliamo ridurre la preoccupazione delle donne per questi falsi positivi e capire che sono molto comuni”.

i dettagli: I ricercatori hanno analizzato i dati del Consorzio per la sorveglianza del cancro al seno su 3 milioni di mammografie di oltre 900.000 donne di età compresa tra 40 e 79 anni. Gli esami sono stati condotti tra il 2005 e il 2018 presso 126 strutture di radiologia.

  • I ricercatori stimano che in 10 anni dall’ottenimento di mammografie 3D, il 50% delle donne avrà almeno un ricordo falso positivo rispetto al 56% delle donne sottoposte a screening utilizzando mammografie digitali 2D.
  • Le donne con seni più densi o più giovani, così come quelle che si sottoponevano allo screening ogni anno rispetto a una volta ogni due anni, avevano maggiori probabilità di sviluppare un falso positivo.
READ  Elon Musk: SpaceX deve costruire astronavi come Boeing costruisce i 737

Sì e: Oltre all’ansia causata dai falsi positivi, ci sono ulteriori costi vivi per i follow-up diagnostici che possono essere problematici, ha osservato Miglioretti.

Cosa poi: Il lavoro è ancora in corso, ma i ricercatori stanno lavorando su un’intelligenza artificiale che potrebbe identificare meglio i tumori sulle mammografie.

  • Il team di Miglioretti sta studiando i fattori di rischio per richiamarti per ulteriori immagini.
  • “Se riusciamo a identificare le donne, come le donne più giovani, e le donne con seni più densi che sono a più alto rischio di richiamo, possiamo far leggere la mammografia al radiologo mentre aspetta in modo che possa avere qualsiasi lavoro extra quel giorno. Ciò riduce notevolmente ansia La donna ha detto che non riceveranno questa chiamata che dice: “Vogliamo che venite per un’altra ripresa”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *