Lo studio afferma che il monitoraggio continuo del diabete per il diabete è in aumento in Italia, ma l’uso è ancora inferiore al previsto

I bambini con diabete di tipo 1 hanno avuto il più alto utilizzo del monitoraggio continuo della glicemia e dell’infusione continua di insulina sottocutanea in Italia, secondo le ultime ricerche, ma le barriere economiche ne impediscono l’adozione diffusa.

L’uso dell’infusione sottocutanea continua di insulina (CSII) e del monitoraggio continuo della glicemia (CGM) per il diabete di tipo 1 (T1D) è aumentato in Italia tra il 2013 e il 2018, ma l’assorbimento è ancora inferiore al previsto, secondo un recente studio.

Un’indagine del 2013 sui centri per la cura del diabete ha mostrato che solo il 23% dei centri per adulti e il 53% delle unità per il diabete pediatrico hanno un team dedicato alla cura del diabete (tra cui un medico, un’infermiera, un dietista e uno psicologo). Da allora, la tecnologia nella gestione del diabete è cresciuta e sono state rilasciate linee guida, quindi i ricercatori hanno condotto un altro sondaggio nel 2019, dato che la prevalenza dell’uso di CSII nell’Europa occidentale è del 43% e l’uso di CGM è del 46,4%.

I ricercatori hanno condotto un’indagine basata sul web per valutare le strutture sanitarie e la composizione del personale che fornisce assistenza per il diabete. Hanno partecipato sessantuno centri pediatrici e 243 centri per adulti, per un totale di 507386 pazienti; Di questi, il 10,4% ha T1D; l’86,4% aveva il diabete di tipo 2 (T2D); Il 2,2% ha il diabete gestazionale. e l’1% ha altri tipi di diabete.

Alla maggior parte dei centri è stato consentito di descrivere entrambe le tecniche, mentre al 7,5% non è stato consentito di descrivere nessuno dei due tipi.

Solo il 53% dei centri pediatrici e l’11% dei centri per adulti ha riferito di avere un team composto da diabetologici, infermieri e psicologi.

READ  Gli Stati Uniti iniziano a restituire 10 milioni di dollari in manufatti rubati all'Italia | Italia

Complessivamente, 13.204 pazienti (2,6%) stavano usando CSII e 28.936 (5,7%) stavano usando CGM, principalmente per T1D.

Per tipo di diabete, il 24% dei pazienti con T1D utilizzava CSII e il 40,5% utilizzava CGM. I pazienti con T2D e le donne con diabete gestazionale hanno bassi tassi di utilizzo di queste tecniche.

Poco più di un terzo degli adulti con T1D (32%) ha utilizzato la CGM e il 21% ha utilizzato CSII. I pazienti pediatrici avevano tassi di utilizzo più elevati: 35% utilizzando CSII e 57% utilizzando CGM.

Sono state osservate differenze tra le regioni, con un minor numero di pazienti con T1D che utilizzavano entrambe le tecniche nell’Italia meridionale rispetto alle regioni settentrionali o centrali. Non ci sono state differenze per i pazienti con T2D.

Rispetto al 2013, c’è stato un aumento dell’8% nell’uso di CSII da parte dei pazienti con T1D. Nessun uso di CGM è stato segnalato in Italia nel 2013.

Gli autori hanno citato diversi motivi per cui l’uso di queste tecniche è diminuito in Italia, che ha meno risorse economiche rispetto all’Europa occidentale. Poche di queste risorse sono dedicate al sistema sanitario; Gli autori osservano che nei centri per il diabete pediatrico c’è meno personale di quanto suggeriscono le linee guida.

Oltre alla carenza di specialisti nella cura del diabete, vi è anche carenza di personale infermieristico specializzato; Gli studi hanno indicato che avere uno staff specializzato può aumentare il livello di controllo metabolico.

Il mix di personale nei centri varia, con più psichiatri e residenti nei centri pediatrici e più medici e infermieri nei centri per adulti.

READ  ExpensiCon, l'unico festival mondiale di contabilità e fintech ospitato da Expensify, torna in Italia per il 2023

Non c’erano informazioni sufficienti sul tempo del personale dietista per consentire ai ricercatori di eseguire un’analisi.

I pazienti devono essere educati e formati su queste tecnologie per poterle utilizzare con successo, hanno osservato gli autori, che hanno chiesto “investimenti economici” per superare le barriere per ottenere maggiori benefici dalla tecnologia del diabete.

riferimento

Pitocco D, Laurenzi A, Tomaselli L, et al; Gruppo di lavoro su diabete e tecnologia AMD-SID-SIEDP. La regolamentazione sanitaria e l’uso dei dispositivi tecnologici per i pazienti diabetici in Italia: il risultato di un’indagine del gruppo di lavoro su diabete e tecnologia. Clin Metab Cardiovasc Dis. Pubblicato online il 14 luglio 2022. doi: 10.1016 / j.numecd.2022.07.003

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.