Lo Sri Lanka affronta altre turbolenze mentre il presidente Gotabaya Rajapaksa fugge senza le sue dimissioni | Sri Lanka

Il presidente dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, era fuggito alle Maldive su un aereo militare poche ore prima delle dimissioni, dopo giorni di avvistamenti insoliti, tra cui il suo palazzo presidenziale e il suo ufficio sequestrati dai manifestanti anti-governativi.

L’Air Force ha confermato che Rajapaksa, sua moglie e due guardie di sicurezza sono saliti a bordo di un aereo militare Nelle prime ore di mercoledì mattinadopo aver invocato le autorità esecutive per consentirgli di fuggire.

“In base alle disposizioni della costituzione e su richiesta del governo, l’aeronautica dello Sri Lanka ha fornito oggi un aereo per trasportare il presidente, sua moglie e due funzionari della sicurezza alle Maldive”, si legge in una nota.

Al loro arrivo nella capitale delle Maldive, Male, alle 3 del mattino, sono stati accolti in aeroporto dal presidente Mohamed Nasheed e da sua moglie. Si credeva che Rajapaksa sarebbe volato negli Emirati Arabi Uniti.

Al momento della sua partenza, mercoledì mattina, il presidente non aveva presentato la sua lettera di dimissioni. I manifestanti anti-governativi gli hanno dato tempo fino all’una di mercoledì per dimettersi e hanno minacciato disordini di massa.

La fuga di Rajapaksa alle Maldive è arrivata dopo 24 ore drammatiche che lo hanno visto tentare senza successo vari mezzi per lasciare il paese. Gli è stato negato l’imbarco su un volo commerciale per Dubai lunedì sera dopo che il personale dell’aeroporto si è rifiutato di timbrare il suo passaporto nell’area VIP dell’aeroporto. L’India ha anche rifiutato di consentire a un aeroporto militare di trasportarlo per atterrare sul suo territorio.

Apparentemente c’era un bisogno urgente da parte sua di lasciare il Paese prima del 13 luglio, data che aveva fissato per le sue dimissioni. Mentre è ancora presidente, Rajapaksa gode dell’immunità dall’arresto. Diversi manifestanti, attivisti e avvocati hanno chiesto che lui e diversi membri della sua famiglia siano processati per accuse di corruzione e violazioni dei diritti umani nei due decenni trascorsi al potere in Sri Lanka.

Anche al fratello minore del presidente, Basil Rajapaksa, che ha servito come ministro delle finanze, è stato vietato di salire a bordo di un aereo diretto a Dubai diretto negli Stati Uniti, dove detiene la doppia cittadinanza. Anche Basilea avrebbe lasciato il Paese martedì sera.

Gotabaya Rajapaksa, eletto nel 2019, resiste da mesi alle richieste di dimissioni, poiché lo Sri Lanka è precipitato sempre più in una crisi finanziaria ampiamente accusata. Rajapaksa e cinque membri della sua famiglia che hanno ricoperto incarichi governativi di alto livello sono accusati di corruzione dilagante e cattiva gestione economica, che ha lasciato il Paese senza valuta straniera per importare cibo, carburante e medicine, e ha spinto l’inflazione a livelli record. Secondo le Nazioni Unite, l’isola di 22 milioni di persone sta affrontando una crisi umanitaria.

Rajapaksa è stato costretto durante il fine settimana a Annuncia la sua intenzione di dimettersi dal potere questa settimana, dopo che centinaia di migliaia di manifestanti hanno riempito Colombo e preso d’assalto il palazzo presidenziale e gli uffici, nonché la residenza ufficiale del primo ministro. Da allora hanno occupato gli edifici, rifiutandosi di andarsene fino a quando sia Rajapaksa che il primo ministro Ranil Wickremesinghe non si saranno dimessi.

Secondo la costituzione, se Rajapaksa si dimette mercoledì, Wickremesinghe verrà automaticamente nominato al suo posto. Ma questo non è molto popolare tra i manifestanti anti-governativi, che credono che Wickremesinghe – che ha assunto la carica di primo ministro ad interim due mesi fa – sia stato responsabile del sostegno al regime di Rajapaksa. Wickremesinghe ha accettato di dimettersi quando è stato formato un governo di unità di tutti i partiti.

I partiti di opposizione hanno affermato che il governo di unità era stato concordato in linea di principio, sebbene non fosse chiaro chi sarebbe stato il nuovo primo ministro. Se le dimissioni di Rajapaksa andranno come previsto, il Parlamento si riunirà di nuovo il 15 luglio ei parlamentari voteranno il 20 luglio per selezionare il nuovo presidente.

READ  Roger Ng, ex banchiere di Goldman Sachs condannato per scandalo da 1 miliardo di dollari | 1 MB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.