L’italiana Eni apre conti in rubli ed euro per pagare la guerra russa del gas – economia – in Ucraina

Ciottoli colorati logo della multinazionale italiana del petrolio e del gas Eni presso lo stabilimento del Gruppo San Donato Oil and Gas a Milano. AP

Non è stato subito chiaro se la mossa di Eni sarebbe in contrasto con le sanzioni Ue, anche se Eni ha affermato che “non è in conflitto”.

L’apertura dei due conti con Gazprom Bank è avvenuta “in via cautelativa” in un comunicato accurato, in quanto “le scadenze per il pagamento delle forniture di gas sono fissate nei prossimi giorni”.

Mosca ha chiesto ai clienti dei “paesi ostili” – compresi gli stati membri dell’UE – di pagare il gas in rubli, un modo per evitare le sanzioni finanziarie occidentali contro la sua banca centrale.

L’annuncio di Eni è arrivato quando la società statale finlandese Gazum ha avvertito che la Russia potrebbe presto interrompere le forniture di gas, dopo che la Finlandia si è rifiutata di pagare Gazprom in rubli.

Converti in rubli

Eni ha affermato che la sua azione è stata “intrapresa nel rispetto dell’attuale quadro sanzionatorio internazionale” e che le autorità italiane sono state informate.

“Ad oggi, Gazprom Export e le autorità federali russe competenti hanno confermato che: (i) la fatturazione e il pagamento continueranno a essere effettuati in euro”, ha aggiunto la valuta specificata nei contratti di fornitura.

Inoltre, “un agente di punto di compensazione che opera alla Borsa di Mosca si convertirà in rubli entro 48 ore senza alcun intervento da parte della Banca centrale russa”.

Ha aggiunto che se i trasferimenti non sono stati effettuati in tempo, “non ci sarà alcun impatto sulla fornitura” del gas.

READ  Catherine Tay, recentemente nominata USTR, chi è e cosa significa questo per il commercio globale? - Legge internazionale

Prima dell’annuncio di Eni, la Commissione Europea aveva affermato che qualsiasi cosa al di là del pagamento dei contratti nella valuta stipulata violerebbe le sanzioni.

“Le aziende devono pagare i contratti nella valuta… stipulata nel contratto”, ha detto ai giornalisti a Bruxelles il portavoce della commissione Eric Mammer.

“Tutto ciò che va oltre è una violazione delle sanzioni. Non potremmo essere più chiari”.

Tuttavia, Eni ha affermato: “La nuova misura dovrebbe essere neutra in termini di costi e rischi e non essere in contrasto con le sanzioni esistenti. L’obbligo di pagamento può essere adempiuto convertendo l’euro”.

Nessuna reazione immediata da parte del governo italiano.

Nella controversia tra Finlandia e Russia dopo che il Paese scandinavo ha respinto una richiesta di Gazprom Export di pagare in rubli, Gazum ha affermato che avrebbe cercato un arbitrato.

Gazum ha dichiarato in una dichiarazione: “Gazum ritiene che vi sia un rischio maggiore di interruzione delle forniture di gas naturale … e quindi l’importazione di gas naturale dalla Russia alla Finlandia potrebbe cessare”.

Helsinki sta attualmente cercando l’adesione alla NATO.

collegamento breve:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.