L’Italia: un futuro luminoso per il peccatore

L’italiano Jonic Chinner è il più giovane tra i primi 10 al mondo, ma più interessato a continuare a migliorare

Il membro più giovane del gruppo più elitario del tennis insiste sul fatto che non aveva fretta.

L’italiano Jonic Chinner – classificato n. 10 al mondo all’età di 20 anni – non è nominato dalle regole, ha un talento straordinario e non sentirai nulla di simile alla sua audace dichiarazione.

I capelli rossi e il suo asciugarsi su mani e piedi non furono immediatamente associati agli italiani.

Nel tour ATP, mentre grida che dovrebbe emergere una nuova generazione, Chinner dovrebbe unirsi a Felix Agar-Aliasim, insieme a Denis Shapovalov e Carlos Alcaraz per diventare il numero 1 nel mondo del futuro.

Il confronto con l’adulatorio Roger Federer è in gran parte dovuto alla sua tranquilla presenza in campo e alle sue capacità su tutto il campo, mentre può aumentare facilmente la potenza ogni volta che lo desidera.

“Sto cercando di gestirlo (nel miglior modo possibile) perché non puoi gestirlo”, ha detto Sinner a News Corp.

“Quando le persone parlano di te; Sono un ragazzo a cui non piace leggere o scoprire cosa pensano gli altri – non mi interessa se è positivo o negativo.

“Dietro di me c’è la mia famiglia e la mia squadra. Gli sono vicino perché gli piaci sempre – se giochi male o bene, se vinci o perdi – penso che aiuti”.

Chinner è salito in cima alla classifica del tennis lo scorso anno, ma non è riuscito a prendere la migliore decisione del Grande Slam della sua carriera avanzando ai quarti di finale degli Open di Francia 2020.

READ  Ian Barclays esorta l'Irlanda del Nord a "godersi" il test italiano

Ha sconfitto il 13 volte campione del Roland Cross Rafael Nadal prima di perdere contro Alex Sverre, che lo ha anche eliminato al Clay-Court Grand Slam dell’anno scorso.

Andrey Rublev, Casper Ruud, Hubert Hurkacz, Roberto Bautista Agut (tre volte), Diego Schwartzman e Gael Monfils (due volte) sono tra le principali vittime di Sinner nel 2021.

Ma le sconfitte di Novak Djokovic, Daniel Medvedev e Sverev hanno anche ricordato a Chinner che deve continuare a cercare di raggiungere un altro livello.

“Penso che i giocatori di punta siano più di me”, ha detto.

“Devo imparare questo genere di cose e cercare di capire cosa hanno e in cosa hanno bisogno per migliorare, motivo per cui non vedo l’ora di partecipare a queste competizioni.

“All’inizio non era facile perché giocavi contro i tuoi idoli, ma questo è quello che vuoi in un modo diverso. Lavori per questo, giochi grandi partite sul grande palco”.

Ci sono già prove che il peccatore otterrà un’influenza positiva dalla corte, dove chiederà “Cosa ti ha fatto muovere?” La serie Instagram incoraggia le persone a parlare della propria salute mentale.

“L’Italia era in una situazione molto difficile (con il Covit-19) e le persone stanno morendo”, ha detto.

“Inoltre, la mia generazione, la generazione più giovane, stava particolarmente lottando mentalmente, quindi abbiamo deciso di trovare un modo per aiutarli a provare a parlare un po’ più apertamente”.

Nel primo round degli Australian Open, Chinner affronterà la fortunata portoghese Joa Sosa e dovrebbe affrontare l’ottava testa di serie Norway Root nel 16° round.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.