L’Italia sta invecchiando più rapidamente rispetto ai suoi omologhi dell’UE, con una popolazione che scende al di sotto dei 59 milioni

ROMA, 5 dic (Reuters) – La popolazione italiana è scesa sotto i 59 milioni e il Paese sta invecchiando a un ritmo più veloce rispetto ai suoi omologhi dell’Unione Europea.

Una popolazione in declino e che invecchia è una delle principali preoccupazioni per un’economia stagnante come l’Italia, in quanto è legata al calo della produttività, alla scarsa innovazione e agli alti costi del welfare.

“Secondo i dati preliminari dal 1° gennaio 2022, la popolazione (residenziale) è scesa a 58,983 milioni”, ha detto il capo dell’Estat Giancarlo Blanchiardo in audizione parlamentare a Roma.

Blanchiardo, un noto demografo, ha affermato che la popolazione nazionale è in costante calo dal 2014, con una perdita complessiva di oltre 1,36 milioni di residenti da allora.

“Le prospettive demografiche del nostro Paese sono caratterizzate da una crescita significativa dell’aspettativa di vita e da un calo altrettanto significativo del tasso di natalità, che si traduce in un invecchiamento della popolazione molto rapido rispetto al resto d’Europa”, ha affermato.

A settembre, l’Italia ha previsto di poter perdere un quinto dei suoi residenti, passando da 59,2 milioni nel 2021 a 54,2 milioni nel 2050 e 47,7 milioni nel 2070 in uno scenario di base.

Invertire questa tendenza e sostenere le famiglie è una priorità dichiarata per il nuovo governo di destra del primo ministro Georgia Meloni. Nel suo bilancio 2023, ha proposto di abbassare le tasse sulle vendite sui prodotti per l’infanzia e aumentare gli assegni familiari.

Reportage di Alvaiz Armelini, Montaggio di Arun Koiyur

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.