L'Italia si oppone all'uso delle armi fornite all'Ucraina in Russia – nel mondo

Roma: il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha rinnovato domenica la sua opposizione all'uso delle armi fornite all'Ucraina sul territorio russo, dopo che il segretario generale della NATO ha suggerito di consentire a Kiev di colpire obiettivi al di fuori dei suoi confini.

Secondo quanto riportato dai media italiani, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato al settimanale britannico The Economist che gli alleati dell'Ucraina dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di consentire all'Ucraina di utilizzare armi fornite dalla NATO per colpire obiettivi in ​​Russia, piuttosto che limitarne l'uso sul territorio ucraino.

Meloni ha detto alla televisione italiana: “Non so perché Stoltenberg abbia detto una cosa del genere. Penso che dobbiamo stare molto attenti”, aggiungendo: “Sono d'accordo che la NATO debba restare ferma e non dare il segnale che si sta arrendendo”. “

Zelenskyj invita Biden e Xi a partecipare al vertice di pace in Ucraina

L’Ucraina lancia regolarmente attacchi transfrontalieri contro la Russia, in particolare nella regione di Belgorod, una tattica che vede come una semplice ritorsione nei combattimenti da quando Mosca ha lanciato la sua invasione nel febbraio 2022.

Secondo The Economist, finora l’Ucraina ha utilizzato droni fatti in casa nei suoi attacchi contro la Russia.

“È tempo che gli alleati pensino se dovrebbero eliminare alcune delle restrizioni imposte sull'uso delle armi che hanno donato all'Ucraina”, ha detto Stoltenberg in un'intervista alla rivista The Economist pubblicata venerdì.

“Negare all’Ucraina la possibilità di utilizzare queste armi contro obiettivi militari legittimi sul territorio russo rende estremamente difficile per lei difendersi”, ha affermato.

READ  I dignitari degli esteri si congratulano con il nuovo ministro degli Esteri georgiano per la sua nomina

Queste dichiarazioni hanno fatto arrabbiare i funzionari italiani, che forniscono aiuti militari all’Ucraina ma temono che il conflitto possa estendersi.

Intervenendo ad un comizio elettorale a Napoli, Matteo Salvini, vice primo ministro e leader del partito anti-immigrazione Lega, ha criticato i commenti di Stoltenberg, dicendo: “Quest'uomo dovrebbe o chiedere la grazia, correggere le sue dichiarazioni o dimettersi”.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha affermato che “l'equipaggiamento militare inviato dall'Italia” dovrebbe essere “utilizzato all'interno dell'Ucraina”.

Prima dell'intervista di Stoltenberg, Mosca giovedì ha denunciato le crescenti richieste da parte di Washington di consentire all'Ucraina di sparare con le armi americane donate alla Russia.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto in un video postato dal giornalista russo Pavel Zarubin: “Sappiamo che ci sono molte persone sconsiderate tra i senatori e i deputati americani che considerano loro dovere continuare a gettare benzina sul fuoco”.

Peskov ha condannato “l'atteggiamento assolutamente irresponsabile”, che potrebbe essere “pericoloso nelle sue conseguenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *