L’Italia sceglie UBS, Jefferies e Clifford Chance per privatizzare MPS

La gente passa davanti a una filiale della banca Monte dei Paschi di Siena (MPS) a Siena, Italia, 11 agosto 2021. REUTERS/Jennifer Lorenzini/file Photo Ottenere i diritti di licenza

ROMA (Reuters) – Il Tesoro italiano ha annunciato venerdì di aver selezionato UBS (UBSG.S), Jefferies e Clifford Chance come consulenti finanziari e legali per la privatizzazione della banca salvata Monte dei Paschi di Siena (MPS) (BMPS). .mi).

Gli impegni concordati con le autorità garanti della concorrenza dell’UE al momento del piano di salvataggio di 5,4 miliardi di euro (5,72 miliardi di dollari) di MPS nel 2017 obbligano Roma a vendere alla fine la sua quota del 64% nella banca.

Dopo un tentativo fallito di vendere la banca toscana alla sua più grande UniCredit (CRDI.MI) nel 2021, l’Italia ha accettato nuovi termini di privatizzazione con Bruxelles che non sono mai stati completamente resi noti.

Tuttavia, il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato questa settimana che MPS potrebbe tornare in mano ai privati ​​entro la fine del prossimo anno.

Sia Giorgetti che il primo ministro Giorgia Meloni hanno affermato negli ultimi mesi che il governo cercherà di aumentare la concorrenza tra le banche italiane privatizzando MPS.

Ciò solleva la prospettiva di un potenziale accordo con Banco BPM (BAMI.MI) o BPER Banca (EMII.MI), rispettivamente la terza e la quarta banca più grande d’Italia, sebbene entrambe abbiano ripetutamente affermato di non essere interessate a MPS.

Fonti informate hanno riferito a Reuters che, data l’assenza di acquirenti interessati nel breve termine, un’offerta di azioni è considerata l’opzione più probabile per ridurre la partecipazione dello Stato e lavorare sugli impegni di ri-privatizzazione.

READ  Il Comitato Etico non indagherà sulla sovvenzione della contea al Centro Culturale Italiano

Ai prezzi attuali, la partecipazione del Tesoro vale circa 2 miliardi di euro, leggermente superiore agli 1,6 miliardi di euro che Roma ha versato alla banca nell’ambito di un più ampio aumento di capitale di 2,5 miliardi di euro completato nel quarto trimestre dello scorso anno.

La privatizzazione di MPS è un elemento chiave di un programma di vendita del valore complessivo compreso tra 20 e 21 miliardi di euro nei prossimi tre anni, che il governo ha annunciato il mese scorso per controllare il debito dell’Italia, il secondo più grande nella zona euro in percentuale PIL. prodotto interno lordo.

Con decreto emanato nel 2020, il Tesoro ha incluso tra le opzioni per la privatizzazione di Mps un’offerta a investitori istituzionali o piccoli investitori, compresi i dipendenti delle banche, nonché possibili operazioni eccezionali come un’operazione di fusione.

($1 = 0,9439 euro)

A cura di Gavin Jones e Richard Chang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *