L’Italia non ha paura di vincere o di tornare a casa nelle qualificazioni agli Europei

Mark OgdenScrittore senior, ESPN FC17 ottobre 2023, 23:09Lettura di 2 minuti

Luciano Spalletti afferma che l’Italia non ha paura di una “partita senza domani” contro l’Ucraina il mese prossimo, costringendo i campioni d’Europa in carica ad affrontare il pericolo dei playoff di Euro 2024 se perdono la finale di qualificazione.

La sconfitta per 3-1 contro l’Inghilterra a Wembley e la vittoria per 3-1 dell’Ucraina su Malta lasciano l’Italia al terzo posto nel Gruppo C con due partite da giocare.

Streaming su ESPN+: LaLiga, Bundesliga e altro (Stati Uniti)

L’Italia affronta la Macedonia del Nord Azzurri da Coppa del Mondo Playoff a Roma il 17 novembre dello scorso anno, prima di affrontare l’Ucraina tre giorni dopo a Leverkusen, in Germania.

Basta una vittoria all’Ucraina per qualificarsi alla squadra di Serhiy Repro e mandare l’Italia ai playoff.

Ma nonostante l’Italia abbia perso la qualificazione ai Mondiali 2018 e 2022 dopo l’uscita dagli spareggi, l’allenatore Spalletti sta sostenendo i suoi giocatori per portare a termine il lavoro contro Macedonia del Nord e Ucraina il mese prossimo.

“Non ho paura di niente, mi sorprenderebbe molto se i giocatori mostrassero paura”, ha detto Spalletti nella conferenza stampa post partita di Wembley. “È naturale giocare partite come queste dove non c’è un domani né una seconda possibilità.

“Il risultato di stasera non dirà che non possiamo essere coraggiosi o giocare la partita che vogliamo, ma ci sono situazioni come la terza [England] Il giocatore può portare la palla giù per 40 iarde e battere due giocatori.

“Cerchiamo di pressare gli avversari, costringendoli a giocare più a lungo, ma quando lo fanno dobbiamo difendere meglio di quanto abbiamo fatto per il terzo gol.

READ  Chloe Kardashian mostra la sua figura snella in Italia.

“A volte il nostro approccio ci è sembrato sgradevole, non siamo riusciti a gestire alcune situazioni che hanno aiutato l’Inghilterra a segnare. Non meritavamo di perdere per due gol, ma dobbiamo crescere come squadra. Le nostre decisioni non sono state abbastanza buone”.

Spalletti ha sostituito il precedente allenatore Roberto Mancini ad agosto dopo che l’ex allenatore di Manchester City e Inter si era dimesso per assumere la guida dell’Arabia Saudita.

Ha detto che lo stile di gioco dell’Italia potrebbe dover cambiare se i suoi giocatori non riescono a implementare l’approccio attuale.

“Se riusciremo a portare a termine ciò che abbiamo fatto con la nostra mira, potremo giocare ad un buon livello”, ha detto Spalletti. “Ma se continuiamo a scendere al limite dell’area e a lasciare giocare gli avversari, abbiamo bisogno di un ripensamento serio, di tornare al primo livello e di cambiare la nostra mentalità come squadra, e questo richiederà molto tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *