L'Italia multa Meta per violazione dei dati e gestione degli account

Meta ha affermato di aver cambiato le sue procedure da quando l'autorità di vigilanza italiana ha avviato un'indagine. (Lionel Bonaventura)

Mercoledì l’autorità italiana garante della concorrenza ha multato il colosso tecnologico globale Meta per 3,5 milioni di euro (3,8 milioni di dollari) per violazione di dati e mancata gestione dei suoi account Instagram e Facebook.

L'Autorità di vigilanza dell'Agcm “ha riscontrato che Meta non ha… informato tempestivamente gli utenti registrati su Instagram via web dell'utilizzo dei loro dati personali per fini commerciali”, si legge in una nota.

Meta Management ha condannato gli account Facebook e Instagram sospesi.

“In particolare, Meta non ha specificato come Facebook abbia deciso di sospendere gli account, se a seguito di una revisione automatizzata o 'umana'”, ha affermato il watchdog.

E Meta “non ha fornito agli utenti di Facebook e Instagram informazioni sulla possibilità di contestare la sospensione”, compreso l'utilizzo di un sistema di risoluzione extragiudiziale delle controversie o di un giudice, ha affermato.

Inoltre, Meta ha fissato un breve termine di soli 30 giorni affinché i consumatori possano contestare la sospensione.

Meta ha affermato di aver cambiato le sue procedure da quando l'autorità di vigilanza italiana ha avviato un'indagine.

Meta non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

ar/lth

READ  La polizia si scontra con gli studenti che protestano a Roma contro il partito Fratelli d'Italia del neo presidente del Consiglio Giorgia Meloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *