L'Italia multa Amazon da 10 milioni di euro per pratiche commerciali “sleali”.

Le autorità affermano che il sito web pre-progettato dell'azienda limita la libertà di scelta dei consumatori.

annuncio

L'autorità antitrust italiana ha multato di 10 milioni di euro due controllate di Amazon per quelle che considera pratiche commerciali sleali.

Il reclamo si riferisce specificamente all'opzione “Iscriviti e risparmia” dell'azienda, che consente ai clienti di impostare consegne ricorrenti per gli articoli acquistati di frequente.

Secondo le autorità italiane, l'automazione di questa funzione viola i diritti dei consumatori.

“Gli acquisti ripetuti pre-marcatura spingono ad acquistare un prodotto periodicamente – anche senza effettiva necessità – il che limita la libertà di scelta”, ha affermato in una nota l'autorità di vigilanza antitrust.

Mercoledì, Amazon Italia ha pubblicato un comunicato stampa sulla funzione “Iscriviti e risparmia”, sostenendo che è “progettata per aiutare i clienti a risparmiare tempo e denaro sulle consegne regolari”.

Dal suo lancio in Italia, “i clienti Amazon hanno risparmiato più di 40 milioni di euro grazie agli ordini effettuati tramite Iscriviti e Risparmia”, ha affermato il gruppo.

Nell'indagine antitrust è stata esaminata anche la selezione automatica da parte di Amazon della consegna espressa, che costa più della consegna standard.

L'azienda ha affermato che in futuro preselezionerà solo l'opzione di consegna gratuita e le autorità italiane hanno accettato questo impegno.

Verrà offerto un risarcimento ai clienti in Italia che si sono lamentati delle pratiche di Amazon nel 2023.

Non è la prima volta che le autorità italiane si scontrano con la grande multinazionale.

Nel 2021, Amazon è stata multata di 1,13 miliardi di euro per aver pagato i venditori sul suo sito affinché utilizzassero il proprio servizio logistico – FBA.

READ  L'indiano Modi e l'italiano Meloni si congratulano con Netanyahu

Ciò è stato fatto “a scapito dei servizi logistici offerti dagli operatori concorrenti, nonché per rafforzare la sua posizione dominante”, ha affermato l'autorità antitrust.

Amazon ha sostenuto che FBA era un “servizio completamente opzionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *