L’Italia incoraggia i viaggiatori giornalieri a ridurre il numero di turisti a Venezia

Le autorità italiane hanno annunciato che introdurranno restrizioni sul numero di persone ammesse a Venezia nel tentativo di ridurre il turismo di massa nella città di Canali.

Dati precedenti finora circa 100.000 turisti potevano curiosare ogni giorno nelle piazze della città. Ma tra qualche settimana non sarai in grado di vedere quella città liberamente.

Entro il 2022, i viaggiatori potranno recarsi in città solo dopo aver registrato online i loro 5 biglietti. I biglietti sono validi solo per un giorno, con l’obiettivo di limitare il numero di ingressi.

“Il turismo di un giorno, il turismo mordi e fuggi, è tutto arrivare lo stesso giorno e partire lo stesso giorno, rendendo la città faticosa e stressante, e invece promuovere il turismo lento”, ha spiegato il vicesindaco della città, Simon Venturini . Per il turismo.

Le future porte di Venezia sono già arrivate e chiuderanno chiavi di accesso ai centri storici.

Cinquecento telecamere monitoreranno il flusso di spettatori e trasmetteranno ininterrottamente immagini dalle strade in cerca di turisti randagi.

La polizia può stabilire l’identità delle persone in tempo reale attraverso i dati dei telefoni cellulari.

“Se inserisco i dati nel modulo anonimo che ho integrato, possiamo vedere esattamente chi sono questi individui: 977 stranieri, 800 italiani, 135 residenti e 139 viaggiatori”, ha detto Maria Teresa Manero, vicecomandante della Polizia di Venezia.

Tuttavia, il sistema è progettato per consentire ai residenti di muoversi liberamente.

READ  Özil propone a Zoo: Contatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.