L’Italia emette una “lettera di conforto” per scongiurare la chiusura della raffineria Lukoil

  • ISAB rappresenta il 20% della capacità di raffinazione italiana
  • La lettera del governo mira ad aprire il credito per la fabbrica
  • ISAB ha discusso con banche e autorità di finanziamenti garantiti dallo Stato

ROMA, 28 ott. (Reuters) – Le autorita’ italiane venerdì hanno presentato Lukoil (LKOH.MM) Attraverso una “lettera di patronage” per aiutare una raffineria di sua proprietà in Sicilia a ottenere finanziamenti bancari per acquistare petrolio non russo e continuare a operare, per evitare il timore che le sanzioni la chiudano.

La raffineria Lukoil ISAB nella Sicilia meridionale rappresenta circa il 20% della capacità di raffinazione dell’Italia e l’embargo sul petrolio marittimo russo entrato in vigore il 5 dicembre rischia di metterne a repentaglio le attività.

ISAB è stata costretta a fare affidamento solo sul petrolio russo dopo che le banche creditrici hanno smesso di finanziare e di fornire le garanzie necessarie per acquistare petrolio da fornitori alternativi.

Sebbene Lukoil non sia stata influenzata dalle sanzioni internazionali contro la Russia, i fornitori ISAB e le banche creditrici erano diffidenti nel fare affari con un’entità russa.

La lettera afferma che le operazioni di Lukoil e ISAB non dovrebbero essere limitate in quanto non penalizzate, nel tentativo di rassicurare fornitori e creditori ISAB.

Il nulla osta di sicurezza del governo arriva dal Comitato per la sicurezza finanziaria, che è gestito e presieduto dal Tesoro italiano e responsabile dell’imposizione di sanzioni contro la Russia.

ISAB ha confermato in una dichiarazione di aver ricevuto la lettera come riportato in precedenza da Reuters e ha affermato di essere grata al governo per il suo interesse nel caso.

La raffineria ha aggiunto che spera di iniziare il processo di “piena normalizzazione” delle sue attività e il suo obiettivo è garantire la continuità operativa.

READ  La Spagna arresta 32 persone presumibilmente legate al gruppo 'ndrangheta italiano | Affare

La fabbrica ISAB impiega direttamente circa 1.000 lavoratori e i sindacati hanno accolto favorevolmente la mossa del governo.

“L’impianto è un pilastro importante dell’economia locale ed è rassicurante sapere che può continuare a funzionare”, ha detto a Reuters Fiorenzo Amato, leader locale della Cgil.

Con questo messaggio il nuovo governo del presidente del Consiglio Giorgia Meloni cerca di guadagnare tempo per concordare la vendita dell’impianto. La US Crossbridge Energy Partners, piattaforma di investimento specializzata in progetti di conversione energetica, è tra le parti interessate all’acquisto della raffineria.

Antonio Nesita, senatore del Pd di opposizione, che ha esortato il governo ad agire rapidamente, ha affermato che la lettera consentirà alle banche di aprire linee di credito per ISAB.

“Spero che le banche forniranno immediatamente finanziamenti a ISAB”, ha affermato Nisita, aggiungendo che il governo dovrebbe anche prendere in considerazione l’assunzione del controllo dell’impianto.

ISAB ne ha discusso con le autorità di governo nella riunione del 17 ottobre, che ha visto la partecipazione di rappresentanti di Intesa Sanpaolo (ISP.MI) e UniCredit (CRDI.MI) Banche, con la presenza dell’agenzia statale di credito all’esportazione SACE.

Secondo le fonti, i colloqui sono incentrati sulla possibilità di finanziamento statale da parte di un gruppo di banche guidate da UniCredit e Intesa, con garanzie di SACE.

Segnalazioni aggiuntive di Angelo Amanti a Roma e Francesca Landini a Milano. scrittura di Angelo Amanti; Montaggio di Valentina Za e Tomas Janowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.