L’Italia emette un verdetto sfavorevole sul sistema di etichettatura Nutri-Score

L’Italia si è pronunciata contro l’uso di Nutri-Score, affermando che il sistema di etichettatura nutrizionale è fuorviante.

La Commissione italiana per la concorrenza (AGCM) ha affermato che Nutri-Score non sarà più utilizzato, con un avviso che descrive in dettaglio la metodologia alla base del sistema, che valuta il valore nutrizionale di alimenti e determinate bevande in base a una valutazione da A a E.

L’AGCM ha affermato che il sistema a semaforo è “un algoritmo sviluppato sulla base di valutazioni scientifiche universalmente riconosciute e non condivise” di cui i consumatori dovrebbero essere consapevoli quando fanno scelte alimentari incentrate sulla salute.

Introdotto per la prima volta in Francia e utilizzato su base volontaria da produttori e rivenditori di alimenti in molti paesi europei, il sistema Nutri-Score è attualmente in fase di valutazione come possibile alternativa.

Lo scorso ottobre, il ministro dell’Alimentazione francese, Julien Tenormandy, ha affermato che il sistema dovrebbe essere rivalutato in quanto potrebbe portare alla classificazione dei prodotti come “non necessariamente conformi alle abitudini alimentari”.

L’Italia si oppone a Nutri-Score perché è visto come un’individuazione ingiusta di alcuni prodotti come formaggio, prosciutti specializzati e olio d’oliva, ignorando alcuni benefici per la salute e la frequenza del consumo. Nel novembre dello scorso anno l’organo AGCM ha avviato la propria revisione.

La commissione ha poi affermato: “Gli alimenti sono suddivisi in cinque categorie in base a un punteggio calcolato da un complesso algoritmo che sottrae gli elementi ‘sfavorevoli’ (energia, acidi grassi saturi, zuccheri semplici, sodio) dal valore totale. Gli elementi ‘favorevoli’ (frutta, verdura, legumi e semi oleosi), percentuale di fibre, proteine).”

Senza alcun riferimento al metodo, l’AGCM ha affermato: “AGCM è scambiato per valutazioni assolute sulla salubrità di un determinato prodotto, indipendentemente dalle esigenze complessive dell’individuo (alimentazione e stile di vita), quantità e frequenza dei consumi. All’interno di una dieta varia ed equilibrata .”

Compagnie associate

READ  Coumboscuro: villaggio italiano di lingua italiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.