L’Italia è molto forte composta per le donne della palude in CT

Veroshka Grein (centro) ha ricevuto un cartellino giallo nel primo tempo, Acesa Hele (numero 8) ha ricevuto un cartellino rosso al 50′, e quando Luchel Hanekom (subentrato) è uscito per infortunio al 20′, non era rimasto nessuno. Al suo posto i sudafricani hanno dovuto finire la partita con 13 giocatori.

Contro una squadra esperta come l’Italia, si è rivelato costoso, ma le ragazze del Bog non si sono mai arrese e hanno giocato il loro miglior rugby a fine partita.

Nonostante abbiano vinto un rigore in mischia, i sudafricani hanno faticato a imporsi nel primo tempo, con errori stupidi che hanno fatto perdere occasioni per dare slancio.

Ciò è stato perfettamente illustrato da una rimessa laterale su rigore al quarto minuto. L’Italia ha rubato il tiro dei Boks, ha allargato la palla e il Vitoria Ostuni Minucci (terzino) ha trovato spazio all’esterno per correre 90 metri verso il basso per la prima meta dal calcio d’inizio.

Poco dopo, dopo una paziente preparazione nei 22 italiani, il capitano e pilone dell’SA Babalwa Latshaw ha trasformato una meta per pareggiare i punteggi sul 7-7 dopo 10 minuti.

Ma le azzurre hanno letto bene la difesa delle donne del Bok, forzando palle perse e trovando buchi che hanno sfruttato. Al 12′ l’ala italiana Ara Musso segna la sua seconda meta con un driving maul, mentre i padroni di casa si trovano con le spalle al muro tre minuti più tardi quando Grein viene ammonito per un contrasto alto.

Si sono comunque difesi bene, ma al 24′ la flanker italiana Alisa Ranuccini ha segnato il 19-7 per gli ospiti provenienti dall’Europa. In aggiunta ai loro problemi, le Bok Women hanno perso due giocatori chiave per infortunio nel primo tempo, Mick Gunter (prostituta) e Tayla Kinsey (mediano di mischia).

READ  Il calcio italiano piange Luigi Riva | Dentro l'UEFA

Libby Jans van Rensburg attacca per il Sud Africa.

La mediana d’apertura Libby Janche van Rensburg, che ha trasformato la meta di Ladshaw, e Beatrice Capomaghi (al centro), che ha realizzato due delle tre mete dell’Italia, si sono scambiate i rigori mentre le squadre andavano all’intervallo con gli ospiti in vantaggio per 22-10.

Jans van Rensburg ha accorciato il divario a nove punti (22-13) con il suo secondo gol su rigore al 48′, ma è stato espulso un minuto dopo per contatto testa a testa in un contrasto.

Un altro minuto più tardi ed era 29-13, Vittoria Vecchini (tallone) ha segnato la quarta meta dell’Italia.

Tuttavia, le donne del Bok si sono rifiutate di arrendersi e poco prima dell’ora, Pirandre Dolph (ala) ha segnato la sua prima meta di prova dopo che il Sud Africa ha mostrato ancora una volta grande pazienza in attacco nei 22 italiani.

Allo stesso tempo, il sostituto di Gunter, Hanekom, si è infortunato e è stato costretto a lasciare il campo.

Dato che il Sud Africa non aveva un sostituto adatto, ha perso un altro giocatore poiché l’arbitro ha ordinato mischie non contestate per il resto della partita.

Giocare con sole 13 donne ha rinvigorito le donne del Bok, che hanno giocato con grande compostezza e hanno messo alla prova la difesa italiana per quello che avevano.

Premendo forte per un terzo tentativo, Alisa De Inca (ala) ha attraversato la linea dei 10 metri dell’Italia per sigillare la gara nella corsa dei 60 metri downfield, ma a poco più di cinque minuti dalla fine, le ragazze del Bog sono state penalizzate.

READ  I turisti saranno presto a pagamento per entrare nel sito culturale più visitato d'Italia

Marcatori:

Ragazze Springbok 18 (10) – Tentativi: Babalva Latshaw, Byrandre Dolph. Cambio: Libby Johns Van Rensburg. Gol su rigore: Jans van Rensburg (2).

Italia 36 (22) – Prove: Vittoria Ostuni Minuzzi, Ara Musso, Alisa Ranuccini, Vittoria Vecchini, Alisa D’Inca. Trasformazioni: Beatrice Kapomaki (3). Gol su rigore: Kapomaki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *