L’Italia blocca gli uomini migranti dalle navi di soccorso

Immagine per gentile concessione di SOS Humanity

Inserito il 7 novembre 2022 alle 19:48

Amministratore marittimo

Il governo di destra italiano sta testando un nuovo approccio alle navi di soccorso delle ONG che prelevano i migranti marittimi nel Mediterraneo centrale e li portano in salvo a Lampedusa e in Sicilia. Invece di aprire o chiudere completamente i porti, le autorità italiane stanno selezionando i migranti a cui sarà consentito l’ingresso, lasciandone fuori centinaia, tutti maschi adulti, secondo gli operatori delle navi di soccorso.


Le navi di soccorso delle ONG costituiscono una percentuale relativamente piccola degli arrivi di migranti in Italia, ma sono emblematiche di una questione importante nella politica italiana: se aiutare o respingere le 50-100.000 persone che arrivano via mare ogni anno. Il neoeletto primo ministro Georgia Meloni ha espresso una chiara posizione anti-immigrazione durante la campagna elettorale. In precedenza ha suggerito che le autorità “rimandino i migranti nei loro paesi e poi affondino le barche che li hanno salvati”, e in recenti interviste ha affermato che i flussi di migranti “devono essere gestiti” per garantire la sicurezza delle frontiere.


Sotto il nuovo ministro dell’Interno di Meloni, Matteo Piantedosi, si stanno testando le navi di soccorso delle Ong. Quattro domande di ingresso nei porti siciliani la scorsa settimana sono rimaste senza risposta. Domenica, la nuova amministrazione sembrava cedere: con un decreto, Piantedosi ha permesso l’ingresso di navi selezionate, ma solo per il tempo necessario ad aiutare i sopravvissuti “in condizioni urgenti e in condizioni di salute critiche”.


Domenica e lunedì le autorità portuali hanno autorizzato una nave per Reggio Calabria e altre due per Catania. All’arrivo, gli ufficiali medici sono saliti a bordo e hanno selezionato le persone “sensibili” per lo sbarco.


Sulla base degli account delle ONG, quelli selezionati per l’ingresso includevano tutte le donne e tutti i bambini, lasciando solo uomini adulti. 215 persone sono sulla nave di soccorso Geogenitori E su altri 35 Umanità 1.


Il Umanità 1 Secondo l’operatore SOS Humanity, è stato incaricato di lasciare il porto con i restanti soccorritori. Il comandante della nave ha rifiutato di partire, dicendo che era suo “dovere di sbarcare tutti i sopravvissuti e finire di salvare le persone in pericolo”. SOS Humanity dice che farà appello all’ordinanza di Piandosi davanti al tribunale di Roma.


MSF, operatore di Geogenitori, ha rilasciato una dichiarazione simile. “Un’operazione di salvataggio è considerata completa solo quando tutti i sopravvissuti sono scesi in salvo”, ha affermato MSF. “Gli sbarchi parziali e selettivi come prescritti dal decreto del governo italiano sarebbero spaventosi; secondo le convenzioni marittime non potrebbe essere considerato legale”.


Se il processo di selezione rappresenta una politica permanente, escluderà una quota significativa di immigrati. Secondo l’UNHCR, il 75 per cento degli arrivi via mare in Italia sono uomini adulti, seguiti da bambini (19 per cento) e una minoranza di donne (6 per cento).


L’amministrazione Meloni, dal canto suo, afferma che gli stati di bandiera delle navi di soccorso (in questo caso Norvegia e Germania) sono responsabili dell’avvio di missioni di soccorso. SOLAS richiede che il comandante consegni il personale di soccorso in un porto sicuro, ma non specifica un ruolo per la gestione della bandiera.

READ  Ex Presidente della Repubblica Italiana Conte 5 Stelle - Capi POLITICO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.