L’Italia affronta il suo passato fascista mentre l’estrema destra si prepara al potere – POLITICA

Premi play per ascoltare questo articolo

ROMA — Sono pochi i delitti che definiscono un momento della storia. La brutale uccisione di un venditore ambulante nigeriano in Italia potrebbe essere una.

Il discorso pubblico sull’uccisione di Alika Ogorchukwu, che è stata picchiata a morte davanti a spettatori nella città costiera di Civitanova Marche, ha messo in luce le divisioni nella società mentre gli italiani si preparano a votare alle elezioni del prossimo mese.

Per alcuni, l’omicidio è colpa di anni di odiosa retorica anti-immigrati da parte di politici di estrema destra, con echi inquietanti del fascismo. Altri accusano la sinistra di voler fare di una tragedia il capitale politico.

La feroce disputa è importante poiché i sondaggi attuali mostrano che i partiti anti-immigrazione di destra della politica italiana probabilmente otterranno il maggior consenso alle elezioni e formeranno il prossimo governo.

Al timone di tutti loro c’è Giorgia Meloni, leader della Fratellanza di estrema destra italiana, che è sulla buona strada per diventare il prossimo primo ministro del Paese dopo il voto del 25 settembre. Segnerebbe un cambiamento radicale nella politica italiana, ponendo potenziali rischi per l’economia del Paese dopo un periodo di stabilità sotto la costante influenza del Primo Ministro uscente Mario Draghi. Si teme anche che una coalizione di destra possa indebolire l’unità europea in un momento cruciale.

I critici di Meloney avvertono di un ritorno ai giorni bui del fascismo degli anni ’30 e affermano che il mondo ha bisogno di rendersi conto di quanto siano radicali le sue opinioni. Il punto è stato rafforzato dall’insistenza dei media affinché il nuovo governo italiano presti giuramento durante il centenario della marcia di Mussolini su Roma.

READ  L'assistenza agli anziani è stata intensificata mentre l'Italia si prosciuga in un anno secco

Secondo la veterana democratica Laura Boldrini, critica e rivale politica dei fratelli, Meloni “rappresenta l’estrema destra che non fa i conti con il passato dell’Italia”.

Boldrini ha detto: “I fratelli d’Italia sono stati infiltrati da elementi dichiarati fascisti”. Il partito «vuole chiaramente una società chiusa che guarda al passato, mentre l’Italia guarda al futuro. Il medioevo è finito.

La Meloni e la sua tribù sono davvero gli eredi dei fascisti di Mussolini? Cosa faranno se prenderanno il controllo questo autunno?

Meloni, 45 anni, è entrato in politica all’età di 15 anni come attivista nel Fronte Giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI). Era un gruppo formato da ex fascisti nel secondo dopoguerra. Sebbene fosse considerato una componente praticabile del movimento, l’MSI ha mantenuto legami con gli estremisti.

Meloni in seguito ha lasciato il Partito per la Libertà Popolare di centro-destra di Silvio Berlusconi per protestare contro la sua proposta di sostegno al tecnocrate Mario Monti nelle elezioni del 2013 e ha fondato i Fratelli d’Italia. I fratelli mantengono il simbolo della fiamma del MSI nel suo logo e mettono in campo i discendenti di Mussolini come candidati, anche se dicono che parlare di fascismo è obsoleto.

Il partito sostiene che la sua apparizione in opposizione a un leader eletto non democraticamente significa che in realtà è il difensore della democrazia – contro la dittatura fascista. I Fratelli d’Italia sono stati l’unico partito che ha rifiutato di sostenere i successivi governi non eletti nell’ultima legislatura.

Giorgia Meloni ha lasciato il Partito per la Libertà Popolare di centrodestra di Silvio Berlusconi per protestare contro la proposta di sostegno al tecnocrate Mario Monti nelle elezioni del 2013 e ha fondato i Fratelli d’Italia | Tiziana Fabi/AFP tramite Getty Images

Meloni ha detto in un’intervista lo scorso anno che il suo partito “non aveva posto per la nostalgia del fascismo”.

Raffaele Fito, eurodeputato di Fratelli d’Italia, ha detto che i suoi colleghi erano all’opposizione durante il governo Draghi “perché abbiamo la democrazia, il principio di scelta delle persone. Quindi quando ci accusano di fascismo, estremismo, possiamo rispondere con un sorriso, perché le nostre azioni e scelte sono completamente opposte.

READ  Il regista di "Spin Me Round" Jeff Pena torna in Italia - SXSW Studio - Timeline

Ma sono sorte polemiche. L’anno scorso un eurodeputato di Brothers è stato sospeso dopo che un documentario sotto copertura lo mostrava mentre discuteva di fondi illeciti in incontri con estremisti che facevano saluti fascisti e battute razziste.

Con l’attenuarsi della pandemia, l’immigrazione – un punto fermo dei movimenti politici di destra in tutto il mondo – è tornata ad essere una questione chiave nella politica italiana.

Blocchi navali

Le proposte, pubblicate dopo la conferenza del partito della Fratellanza a maggio, prevedevano la detenzione dei migranti in aree designate fino a quando non avessero dimostrato la loro richiesta di asilo, un blocco navale e multe per le navi di soccorso delle ONG.

Alleato e compagno di coalizione di Meloni è Matteo Salvini, convinto leader anti-immigrazione della Lega. Quando era ministro dell’Interno nella precedente coalizione, l’Ong di Salvini ha fatto una campagna contro le navi di salvataggio dei migranti. È stato perseguito per aver tenuto i migranti sulle barche e molti dei suoi tentativi di contestare le attività delle ONG sono stati respinti dai tribunali.

Ma durante questa campagna elettorale Salvini è già saltato in un centro di accoglienza sull’isola di Lampedusa dove i clandestini hanno presentato la sua causa agli elettori.

Anche così, se guidano il prossimo governo, ci sono ragioni per pensare che i piani stravaganti dei fratelli non si realizzeranno mai. Le proposte del partito sull’immigrazione rischiano di scontrarsi con le leggi internazionali, marittime e dell’UE.

Inoltre, le istituzioni democratiche e gli impegni internazionali dell’Italia contribuiranno a prevenire il perdurare di deviazioni drammatiche.

“La storia che siamo fascisti è una favola”, ha detto Fito. “Questo è un male per l’Italia e la sua reputazione all’estero”.

READ  Sai da dove viene la pasta? Spoiler: non l'Italia

Alcuni accademici sono d’accordo. Se la coalizione di destra di Meloni vincerà il potere, sarà “il governo più di destra nella storia della Repubblica italiana”, ha affermato Giovanni Orsina, professore di storia politica alla Lewis University di Roma. Ma aggiunse che era una “travisamento” indicare i fratelli d’Italia come fascisti o neofascisti. “Non ti piacciono Maloney e le sue proposte. Ma il fascismo è una falsa etichetta”.

Gli obblighi internazionali dell’Italia, soprattutto all’interno dell’Unione europea, lasciano poco spazio all’estremismo, ha affermato Orsina. “E’ un governo di destra che non è un disastro, non c’è spazio di manovra”.

Sondaggio elettorale del parlamento nazionale italiano

Visita più dati dei sondaggi da tutta Europa Politica Sondaggio.

Altri credono che l’ascesa della Fratellanza alla fine inaugurerà un’era di autoritarismo di destra. Per Mauro Magatti, professore di sociologia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, questo non è perché Meloni guida un movimento “fascista”, ma perché non può mantenere le sue promesse al pubblico.

I fratelli italiani stanno raccogliendo il sostegno di elettori poveri e istruiti in difficoltà economiche, offrendo soluzioni irraggiungibili, ha affermato. Invece di tornare al centro, gli elettori potrebbero cercare più opzioni di estrema destra in futuro.

“Se un governo di destra sale al potere, il fratello italiano dovrà gestire il malcontento”, ha detto Makatti. “La realtà è che le loro politiche sono molto deboli [means] Questa inadeguatezza può scatenare conseguenze imprevedibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.